Breaking News
Un'immagine emblematica del terremoto del 24 agosto 2016
Un'immagine emblematica del terremoto del 24 agosto 2016

Terremoto, Renzi annulla le visite in Veneto

Per fortuna non siamo a fare bilanci tragici, di vittime uccise nel sonno da un terremoto, come è invece avvenuto due mesi fa, quasi nella stessa zona. Tuttavia le nuove forti scosse di ieri in centro Italia fanno paura. Speriamo che si sia trattato soltanto di un assestamento geologico, di uno strascico insomma del sisma che a fine agosto ha distrutto Amatrice, Accumuli e Pescara del Tronto.

E’ palpabile comunque il timore che non sia finita. Ieri è andata bene solo perché una prima scossa, verso le 19, ha funzionato da avvertimento e la seconda più forte scossa, un paio d’ore dopo, ha colto tutti ancora in strada per la paura generata dalla prima, ed i crolli non hanno ucciso nessuno. Ci sono comunque nuovi senza tetto, e quello che resta è soprattutto la convinzione che il pericolo incombe, che l’Italia è soggetta ad eventi di questo tipo e che le nostre abitazioni sono fragili e ben poco, o nulla, antisismiche.

Uno degli effetti dell’evento sismico di ieri, marginale certo, ma pur sempre da ricordare, è il fatto che, come sempre avviene in questi casi, la politica si è fermata. E così presidente del Consiglio Matteo Renzi ha sospeso la campagna referendaria cancellando anche la sua prevista tappa a Vicenza, questa sera.

“Le popolazioni colpite dal terremoto della notte scorsa nelle Marche – spiega una nota diffusa oggi dal Pd vicentino – hanno bisogno di tutta l’attenzione del governo. Renzi sta seguendo l’evolversi della situazione nelle zone disastrate al centro operativo della protezione civile. Il capo del governo ha rinviato gli appuntamenti odierni in Veneto dove avrebbe dovuto partecipare a due iniziative per il Sì al referendum costituzionale, a Vicenza e a Padova”.

“Il presidente del Consiglio – commenta l’esponente veneto del Pd, Roger De Menech, – ha fatto benissimo a sospendere la campagna referendaria. La priorità, non solo del governo ma di tutti noi, è rivolta alla Marche, alle comunità devastate dal terremoto e alle persone che hanno perso la casa. Per quanto riguarda gli appuntamenti referendari, Renzi sta già cercando uno spazio nella propria agenda per recuperare nelle prossime settimane le iniziative previste per oggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *