domenica , 7 Marzo 2021

Montecchio incontra il Museo Egizio di Torino

Si respirerà l’atmosfera dell’antico Egitto, sabato pomeriggio, a Montecchio Maggiore. L’8 ottobre infatti, alle 16, in Sala civica Corte delle Filande, sarà ospetie di un incontro di grande fascino il direttore del Museo Egizio di Torino, Christian Greco, per un pomeriggio organizzato dal Museo Zannato e dall’associazione Amici del Museo nell’ambito degli “Incontri tra natura e storia” e con la collaborazione con Lions Club di Montecchio Maggiore. Greco, vicentino di nascita ed egittologo di fama internazionale, da poco più di due anni è il direttore del Museo Egizio, di cui ha curato in tempo record il riallestimento. A Montecchio presenterà il museo torinese com’era ieri e com’è oggi.

Citando le sue parole, “il significato e gli obiettivi culturali di una collezione e la sua organizzazione cambiano nel tempo. Un museo deve necessariamente porsi la domanda di come la sua collezione può incontrare le aspettative scientifiche della ricerca e le mutate esigenze del visitatore. Agli inizi del diciannovesimo secolo, il Museo Egizio di Torino era uno dei principali centri dell’egittologia in Europa, promotore di progetti e attrattiva per gli studiosi; oggi, deve riguadagnare questa funzione. Il nuovo Museo Egizio ha interesse nell’evidenziare le connessioni tra i suoi reperti, attraverso la storia della loro scoperta, la ricontestualizzazione archeologica e la riunificazione dei corredi, le indagini prosopografiche dei tanti personaggi documentati dalle fonti scritte. È indispensabile dunque individuare i legami storici e sviluppare la rete di collaborazione con altre istituzioni culturali e scientifiche e collezioni italiane e straniere. La priorità è ricreare i contesti archeologici e storici degli oggetti. La parola chiave ‘connessioni’ esplicita la continuità tra la storia del museo e il suo presente”.

L’ingresso all’incontro è libero. Per informazioni: www.museozannato.it. Nato nel 1975 ad Arzignano , Christian Greco è un egittologo, docente universitario nei corsi di Egyptian e Archaeology of Nubia and Sudan presso l’Università di Leiden, il migliore centro di egittologia dei Paesi Bassi, e curatore di una delle collezioni egizie più importanti d’Europa, quella del Museo delle Antichità di Leiden. Ha curato molti progetti espositivi e di curatela, non solo in Olanda, ma anche in Giappone, Finlandia e Spagna ed ha sviluppato importanti collaborazioni internazionali, sia come membro di gruppi di ricerca sia con altri musei, fra cui i Musei Vaticani e il Louvre. È stato membro della missione epigrafica americana a Luxor ed è da alcuni anni co-direttore della missione archeologica olandese a Saqqara. Al suo attivo, molteplici pubblicazioni sia divulgative sia scientifiche in varie lingue europee. Dal 2014 è membro del Comitato tecnico scientifico per i beni archeologici del Ministero dei beni culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità