Vicenzavicenzareport

Manifestazione dei corrieri a Vicenza

“Vogliamo il cartellino”, è stato questo lo slogan della manifestazione dei corrieri espresso e dei lavoratori della logistica, che oggi hanno sfilato a Vicenza tra viale Roma e Contrà Gazzolle, passando per Corso Palladio. A supportare l’iniziativa c’era la Filt Cgil di Vicenza. Alla manifestazione hanno partecipato circa 150 persone. A detta del segretario generale della Filt Cgil vicentina, Andrea Rizzo, nel settore “c’è evidente sfruttamento: si lavora 60 ore settimanali, senza un orario, e gli straordinari e le trasferte non vengono pagate”. Inoltre a ogni cambio d’appalto i lavoratori rischiano il posto di lavoro e comunque perdono salario (tfr e ultime mensilità).

“Un appunto – spiega Rizzo – va fatto anche a proposito dei mezzi di trasporto: spesso i corrieri espresso viaggiano in condizioni ai limiti del codice della strada. I corrieri, tramite i loro rappresentanti sindacali, chiedono dunque un orario di lavoro ben preciso, vogliono timbrare il cartellino, vogliono l’applicazione del contratto nazionale di lavoro, di categoria e di settore. Dicono basta con gli appalti e con le finte cooperative o con le aziende di comodo e con quello che può essere definito ad oggi vero e proprio lavoro a cottimo, con orari indefiniti.

“Tutto questo – continua il sindacalista – per maggior sicurezza sul posto di lavoro e sulla strada. Ma soprattutto i corrieri chiedono di essere assunti direttamente dalle filiali italiane delle multinazionali come Sda, Tnt, Ups, Gls, Brt, Dhl, e altri marchi”. Presenti e attivi in manifestazione i segretari Daniele Conte (che si occupa in modo specifico dei corrieri) e Massimo D’Angelo, della Filt di Vicenza. Presenti anche i segretari di Venezia e il segretario regionale Filt, Renzo Varagnolo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button