lunedì , 1 Marzo 2021

Disastro Vicenza, il Perugia cala il poker

Serata disastrosa per il Vicenza che, al Menti, subisce il poker del Perugia. La vittoria casalinga non arriva nemmeno oggi, ma arrivano i cartellini rossi, rimediati da mister Bisoli e soprattutto da Rizzo che lascia la squadra in dieci nel finale del primo tempo. Gli umbri aprono le marcature al 17′ con Brighi, raddoppiano al 28′ con Di Chiara, calano il tris al 39′ con Dezi e chiudono i conti all’88’ con Di Carmine. Il Perugia segna anche per i veneti, al 64′ infatti Belmonte devia una conclusione nella propria porta. Il Vicenza ha sbagliato tutto nella prima frazione di gioco e a nulla è servito giocare bene nella ripresa, per altro in inferiorità numerica. Al Menti, con molti posti vuoti, cala il gelo e la curva, forse per una forma di protesta, rimane in silenzio.

La partita inizia male per il Lane, che subisce il gioco del Perugia e viene punito al 17′: crossa dalla sinistra di Guberti, Nicastro sporca il pallone quel tanto che basta per farlo arrivare sui piedi di Brighi che, con facilità, deposita in rete. La reazione che ci si aspettava dai padroni di casa non arriva, ed arriva invece il raddoppio degli ospiti, al 28′, con un sinistro potente dalla distanza di Di Chiara. I veneti sbagliano tanto, non solo nel chiudere gli spazi, ma anche nella fase offensiva: prima Galano e poi Bellomo non riescono a concludere. Il Perugia, galvanizzato dalla doppietta, si porta a quota tre al 39′. Inizia tutto da una punizione battuta da Di Chiara, Monaco di testa fa da sponda per Di Carmine che fa arrivare la sfera a Dezi che batte Benussi.

Oltre il danno la beffa, è proprio il caso di dirlo, quando al 41′ mister Bisoli si scalda troppo e viene espulso. Ma la tegola più pesante arriva al 43’, quando l’arbitro estrae il cartellino sotto il naso di Rizzo per un battibecco con un avversario. Come se non bastasse il Vicenza deve fare anche i conti con gli infortuni, con Adejo che è costretto a fare posto a Bogdan. Tanto nervosismo come tanti sono i gol subiti dai biancorossi in trentanove minuti, costretti all’inferiorità numerica.

Come si poteva immaginare il secondo tempo vede il Vicenza in difficoltà, ma a dargli una mano ci pensa proprio il Perugia, con Belmonte, che al 64′ batte il proprio portiere con una deviazione su un tiro di Bellomo. Gli umbri non sembrano essere sazi di gol e, dopo aver giocato buona parte della ripresa chiusi in area per difendere il risultato, nel finale festeggiano il poker. All’88’ Di Carmine va via sulla fascia sinistra, la difesa del Vicenza lo lascia andare e, con un tiro, a giro gonfia la rete. Si chiude così un match che ha visto il Lane mostrare due facce: brutto nel primo tempo, più brillante nel secondo, ma i gol da recuperare erano tanti e con l’uomo in meno tutto è stato difficile.

VICENZA-PERUGIA 1-4

VICENZA (4-3-1-2): Benussi; Pucino, Adejo (44′ Bogdan), Esposito, Zivkov; Rizzo, Urso, Siega; Bellomo; Di Piazza (69′ Giacomelli), Galano (47′ Signori). A disp.: Vigorito, Fontanini, Vita, Orlando, Renny, Cernigoi. All. Bisoli.

PERUGIA (4-3-3): Rosati; Belmonte, Volta (47′ Mancini), Monaco, Di Chiara; Brighi, Zebli, Dezi (81′ Acampora); Nicastro, Di Carmine, Guberti (78′ Buonaiuto). A disp.: Elezaj, Chiosa, Imparato, Ricci, Drolè, Bianchi. All. Bucchi.

ARBITRO: Abisso di Palermo.

MARCATORI: 17′ Brighi (P), 28′ Di Chiara (P), 39′ Dezi (P), 64′ aut. Belmonte (P), 88′ Di Carmine

NOTE: serata serena, terreno in buone condizioni. Espulsi Bisoli (V) per proteste e Rizzo (V). Ammoniti: Volta, Mancini, Monaco, Belmonte (P), Adejo, Esposito (V) per gioco scorretto e Rosati (P) per perdita di tempo. Recupero: pt 3′, st 4′.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità