Arte, Cultura e Spettacoli

Daverio: “Quadri di Lucia Filippi delle tessiture”

“I maschi non hanno polpastrelli evoluti se non quando fanno gli artigiani. Le donne invece hanno i polpastrelli evoluti per definizione ereditaria, perché fanno la tela di Penelope”. Le suggestioni e i paragoni dello storico dell’arte Philippe Daverio non sono mai scontati. Non lo sono stati nemmeno in occasione della serata di presentazione delle opere di Lucia Filippi, artista vicentina emergente che, dopo un lungo tour di esposizioni internazionali, ha mostrato per la prima volta le sue tele nella terra natia, nei giorni scorsi,  a Monteviale, nella splendida cornice di Villa Zileri Motterle, nella sala impreziosita dagli affreschi del Tiepolo.

Per descrivere le peculiarità del gesto pittorico di Lucia Filippi, l’ideatore e conduttore di Passepartout è risalito fino al paleolitico senza mancare di scomodare anche il mito di Penelope. “Le donne sono tutte in un qualche modo discendenti da Penelope. Stanno tutte tessendo in modo manuale, con i gesti tipici della tessitura. Poi la notte disfano e il giorno dopo rifanno, esattamente come Penelope. I quadri di Lucia Filippi sono delle tessiture”.

Una visione ancestrale che Daverio ribadisce più volte: “Lei non ha studiato all’accademia, ma ha portato l’essere paleolitico nei suoi quadri. Oggi, questo la rende interessante. Questo gesto iniziale, primordiale, è quello della capacità di muover le cose, di tener insieme il bambino e il fuoco acceso e di trasformarlo in un gioco finale che è un gioco visivo. Questi sono dei lavori da polpastrello, sono totalmente fisici ma hanno una cosa curiosa: un loro equilibrio”.

L’excursus di Daverio, tra antropologia, storia e mito, sulle opere di Filippi sarà, almeno per ora, un unicum nel vicentino. Le composizioni dell’artista berica torneranno infatti a mostrarsi oltre confine, o, meglio, oltreoceano fino ad aprile 2017: allo Spectrum Miami art show dal 30 novembre al 4 dicembre 2016, al LA art show dal 11 gennaio al 15 gennaio 2017 e al Zhou brothers art center di Chicago ad aprile 2017.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button