Breaking News
Trovato nel Brenta il corpo dell'uomo scomparso
La centrale idroelettrica di San Lazzaro, a Bassano (Fonte foto: www.consorziobrenta.it)

Bassano, trovato un cadavere nelle acque del Brenta

Di nuovo il cadavere di un uomo che viene restituito dalle acque del fiume Brenta, per altro ancora una volta nei pressi della centrale idroelettrica di San Lazzaro a Bassano del Grappa, evidentemente trattenuto dalla griglia. Si tratta un uomo ormai abbastanza anziano, di 69 anni, le cui iniziali sono P.F., di Romano d’Ezzelino.

Ad individuare il corpo, nella mattinata di oggi, sono stati dei passanti, che hanno subito dato l’allarme. Altrettanto rapido è stato l’intervento dei vigili del fuoco, con un gruppo di sommozzatori, che hanno recuperato la salma, così come quello delle forze dell’ordine, chiamate ora a ricostruire la dinamica di quanto è successo

Non è stato facile nelle prime ore dare un nome al cadavere, dato che l’uomo non aveva con sé alcun documento di identità. Al momento del decesso l’uomo indossava una tuta ginnica ed aveva la fede al dito, senza però alcun nome inciso al suo interno.

Tra le ipotesi che si fanno per spiegare quanto potrebbe essere successo, c’è quella di un possibile suicidio. Meno probabile sembra invece quella che era stata avanzata all’inzio, secondo la quale si sarebbe trattato di una perdita di orientamento, di equilibrio, forse della capacità di discernere. Un incidente insomma, con l’anziano che potrebbe essere scivolato nel fiume annegando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *