Breaking News

Rosà, troppo traffico, cambia la viabilità

È in preparazione, a Rosà, un’ordinanza che vieta il transito di mezzi pesanti, superiori alle 3,5 tonnellate, in alcune vie della frazione di Travettore, precisamente in via Capitello, Ponte Storto, Cimabue, Madonna Elisa, Molino e Concordia. In seguito ad una delibera della giunta comunale, infatti, il sindaco rosatese, Paolo Bordignon, ha dato disposizione al capo dell’area tecnica di avviare l’iter per l’emissione del provvedimento, dal quale saranno esclusi i frontisti e le operazioni di carico e di scarico.

All’ordinanza, che poggia sul parere favorevole degli organi di polizia locale e che va nella direzione di garantire una maggiore sicurezza di chi si sposta per le vie del paese, si è arrivati in conseguenza dell’intensificarsi del traffico dovuto all’apertura di un centro commerciale e in seguito all’avvio dei lavori della superstrada Pedemontana.

Non solo. Infatti il protrarsi della chiusura del sottopassaggio sui cantieri della Pedemontana in via Rambolina, a Bassano, e la chiusura di via Ca’ Dolfin hanno modificato i flussi viari con un conseguente aumento del traffico sulle vie residenziali. Nelle ore di punta via Baggi e la provinciale di Sant’Anna sono congestionate con criticità soprattutto nei centri delle due frazioni e nelle strettoie.

“Inoltre – spiega una nota diramata in proposito -, con l’inizio dell’anno scolastico, la mancata apertura del sottopassaggio in zona Ponte Storto, sta creando non pochi disagi e malumori tra i residenti con sindaco ed assessore ai lavori impegnati nel trovare risposte da parte dei colleghi di Bassano. A questo proposito il sindaco di Rosà, si era rivolto al sindaco di Bassano, Riccardo Poletto, il quale aveva garantito l’apertura in tempi stretti, ma non è ancora avvenuta”.

“È inspiegabile – ha commentato l’assessore alla viabilità e ai lavori pubblici, Simone Bizzotto – questa mancata collaborazione da parte di Bassano nel risolvere i problemi, soprattutto perché la questione viabilità interessa un intero territorio e non solo un singolo comune. Le scelte, fatte nel passato, di aprire la strada ai centri commerciali hanno avuto ricadute di non poco conto anche sul nostro territorio come si può riscontrare arrivando a Bassano da sud”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *