venerdì , 15 Ottobre 2021
La casa presa di mira dai rapinatori
La casa presa di mira dai rapinatori

Rapina in villa ad Arcugnano. Arrestati tre giovani

Tre giovani sono stati arrestati, la notte scorsa, dai carabinieri della Compagnia di Vicenza, con l’accusa di rapina in una abitazione di Arcugnano, oltre alla ricettazione di due auto rubate. Si tratta di un 26 enne vicentino, di un colombiano di 19 anni e di un nigeriano di 20, tutti, di fatto, senza fissa dimora e nullafacenti, i primi due anche con precedenti penali. Quanto alla rapina, era avvenuta nella mattinata ed era stata subito denunciata ai carabinieri che, sulla base delle informazioni fornite dalla famiglia rapinata e dopo una articolata indagine hanno inviduato quelli che ritengono siano i responsabili.

Tra l’altro le vittime del crimine hanno vissuto momenti drammatici poiché, rincasando, hanno prima noitato una strana auto, una Audi A3 nera parcheggiata vicino alla loro casa, e poi hanno addirittura sorpreso i rapinatori mentre rovistavano tra le loro cose. rapinatori che hanno a quel punto reagito con violenza per assicurarsi la fuga, prima spingendo brutalmente chi cercasse di fermarli, poi anche colpendo una delle vittime con una borsa in cui i ladri avevano messo dei computer appena rubati.

 

Riusciti così a fuggire, i tre malviventi hanno portato con sé danaro contante, circa 700 euro,  ed altri oggetti tra cui due televisori ed uno stereo. Le successive indagini dei carabinieri hanno permesso di appurare innanzitutto che un’autovettura sospetta era già stata segnalata nei giorni precedenti nell’area. Sulla base della testimonianza delle vittime della rapina, che hanno ben descritto i ladri, ed incrociando via via altre informazioni, comprese casuali segnalazioni di cittadini e immagini di video sorveglianza, è stato predisposto il controllo di un caseggiato abbandonato, ad Altavilla, in via Madurello e questa mattina presto, verso le 6, i carabinieri hanno fatto scattare il blitz arrestando i tre.

Nei locali abitati dai malviventi sono stati ritrovati vari oggetti di cui si sospetta la provenienza illecita (capi di abbigliamento, cellulari, orologi, oggetti in oro e argento, la somma contante di circa 500 euro, e arnesi atti allo scasso, come un piede di porco, C’erano anche sostanze stupefacente, probabilmente per consumo personale: 4 grammi di hashish, 4 di eroina, 2 di cocaina.

I tre giovani sono stati accompagnati nel carcere di Vicenza, a disposizione dell’autorità giudiziaria, mentre la vittima che ha cercato di impedire la fuga dei malviventi ha dovuto farsi curari al pronto soccorso del San Bortolo. Fortunatamente non ne avrà per molto, la prognosi è di dieci giorni salvo complicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità