Breaking News

Nuovo tetto per il Palazzetto del nuoto di Vicenza

Taglio del nastro, questa mattina, al Palazzetto del nuoto di viale Ferrarin, a Vicenza. Dopo circa due mesi, infatti, sono stati ultimati i lavori di rifacimento del tetto e la vasca coperta è tornata in funzione. Il costo dell’intervento, circa 387 mila euro, è stato sostenuto dal gestore, Piscine di Vicenza spa, il quale, in cambio, ha ottenuto dal Comune la gestione dell’impianto fino al 2026.

La corposa opera di manutenzione, iniziata a giugno, ha interessato sia la parte esterna sia quella interna della copertura delle piscine. Nel dettaglio, all’esterno è stata tolta la guaina e verificato lo stato della struttura esistente. Si è provveduto a sostituire assi e travetti rovinati. È stata poi realizzata una sovrastruttura con un doppio isolamento. Sopra, con delle travi, è stato posato un tetto in acciaio e ora la presenza di una camera d’aria di 15 cm fa sì che non si formi la condensa. Nuovi lucernari e bocche di aspirazioni completano questa parte.

All’interno, tutto il legno è stato carteggiato e trattato con prodotti impregnanti protettivi. Non è stato possibile recuperare i tubi di aerazione esistenti, che sono stati quindi rimpiazzati con altri in pvc microforato. Per finire, le pareti sono state ridipinte.

“Tutti i bambini – ha sottolineato l’assessore alla formazione, Umberto Nicolai – devono saper nuotare. L’amministrazione comunale ha avviato un progetto per lo sport che comprende anche il nuoto e le convenzioni attivate vanno proprio nella direzione di rendere l’attività natatoria accessibile ad un prezzo contenuto”.

Dello stesso parere anche il sindaco di Vicenza, Achille Variati, che ha sottolineato come, a questo proposito, bisognerebbe imitare la Francia. “Lì, infatti, – ha spiegato Variati – nelle scuole il nuoto è un elemento obbligatorio e pubblico”.

“Il Comune di Vicenza – ha proseguito – ha sempre incentivato l’attività sportiva in genere e anche quella natatoria, considerandola una parte sostanziale dell’educazione. Infatti consideriamo i soldi speso per lo sport un vero investimento sociale”.

Al taglio del nastro, che ha coinciso con una tre giorni di incontri e iniziative dedicate agli sport acquatici, ha partecipato anche Daniela Sbrollini, onorevole del Partito Democratico, firmataria di una proposta di legge per una riforma vera dello sport dilettantistico in Italia. Sbrollini si è congratulata con l’amministrazione comunale di Vicenza per aver inserito lo sport tra le priorità. “È importante – ha infatti spiegato – che  sport sia per tutti e di tutti e ognuno deve avere la possibilità di fare attività fisica”.

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *