Breaking News

Industria 4.0, ci sarà anche un centro in Veneto?

E’ stato presentato questa mattina a Milano il piano del governo noto come “Industria 4.0”, che punta a far crescere gli investimenti privati di una decina di miliardi, tutti nel prossimo anno. A presentare il progetto il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, assieme ad altri membri del governo a cominciare dal presidente del Consiglio Matteo Renzi. Tra i contenuti del piano c’è anche la creazione di una serie di centri di eccellenza, i così detti Competence center, per i quali è stata fortemente caldeggiata l’istituzione di uno in Veneto, presso l’università di Padova.

A farlo erano stati il presidente di Confindustria Veneto, Roberto Zuccato, e lo stesso presidente della Regione Luca Zaia che il 15 settembre aveva scritto una lettera in proposito al ministro Calenda. Stando a quanto detto oggi dal ministro, la nostra regione avrà uno di questi centri, dove si farà una ricerca di eccellenza per favorire il trasferimento tecnologico tra atenei e mondo dell’impresa.

“Se le dichiarazioni del ministro dello Sviluppo economico troveranno conferma nei fatti, e non ho motivo per dubitarne – ha commentato oggi Zaia -, si apre un nuovo corso in un settore nel quale le università venete sono state storicamente penalizzate. Assicuro sin d’ora la massima collaborazione in ogni passaggio, perché crediamo nell’innovazione e ricerca come elemento fondante del nostro sistema produttivo e universitario. Già oggi l’eccellenza delle nostre imprese e dei nostri ricercatori è universalmente riconosciuta, ed è garanzia che qui le cose verranno fatte per bene”.

Anche Zuccato è ottimista e parla di “una vittoria di sistema del territorio. La costituzione di un Competence center in Veneto – sottolinea il presidente degli industriali – è una vittoria di sistema: dello spirito di squadra delle università, sostenute dal mondo delle imprese, delle professioni, del lavoro e dalla politica. La scelta del governo è il giusto riconoscimento nei confronti della tradizione industriale del Veneto e soprattutto della sua capacità di essere oggi un laboratorio all’avanguardia del nuovo manifatturiero”.

“Grazie alla presenza di un Competence center – ha concluso Zuccato -, e al dialogo con il mondo della ricerca, le nostre aziende potranno aumentare la propria competitività, attuando investimenti nel digitale, nell’automazione, nell’innovazione applicata. Il Digital Innovation Hub rafforzerà inoltre il cammino di innovazione e competizione. Ora aspettiamo il presidente del Consiglio Renzi e il ministro Calenda in Veneto, per il road show che faranno sul territorio per presentare il piano nei dettagli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *