Breaking News

A Vicenza una… “Amatriciana per Amatrice”

Anche Vicenza appoggia l’iniziativa di solidarietà promossa da Confesercenti e dall’associazione Città del Vino per contribuire alla ricostruzione delle città del centro Italia gravemente colpite dal terremoto del 24 agosto scorso e ancora sottoposte a scosse. “Un’Amatriciana per Amatrice” si terrà, quindi, anche nei ristoranti di Vicenza, oltre che in tutto il resto d’Italia: tra il 12 e il 18 settembre chi ordina il primo piatto in un ristorante aderente contribuisce alla ricostruzione delle zone danneggiate dal sisma.

I ristoratori sono chiamati ad offrire nel loro menu, nella settimana sopra indicata, in un giorno a loro discrezione, una amatriciana per la ricostruzione. I clienti che in quella giornata ordineranno il piatto contribuiranno a sostenere la ripartenza delle imprese delle zone colpite: l’importo pagato, infatti, verrà devoluto interamente dai ristoratori in un fondo finalizzato alla ricostruzione e al sostegno delle attività della ristorazione, del commercio e della ricettività dei comuni di Amatrice, Accumuli, Arquata del Tronto e Pescara del Tronto.

Un contributo concreto per la ripartenza delle attività del territorio colpito dal sisma attraverso un piatto tradizionale nato proprio in quella zona, nonché rappresentativo della cultura e sapienza enogastronomica italiana. L’auspicio è di arrivare a servire oltre centomila amatriciane. L’iniziativa è aperta a tutti i ristoratori e per aderire sarà sufficiente registrarsi online su www.unamatricianaperamatrice.it.

“Vicenza aderisce a questa importante iniziativa per dare supporto a un territorio ricco di storia e tradizione, che ora affronta un momento gravissimo – spiega Vincenzo Tamborra, presidente di Confesercenti Vicenza -. L’idea nasce proprio da alcuni ristoratori che vogliono sostenere così la ricostruzione delle attività commerciali, di produzione e di alloggio andate distrutte e danneggiate nelle zone colpite dall’evento sismico. Lanciamo quindi questo appello sia ai ristoratori vicentini che al pubblico per unire le forze e contribuire insieme”. A volte basta un piatto di pasta per fare del bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *