Un tratto della Strada delle 52 Gallerie sul monte Pasubio
Un tratto della Strada delle 52 Gallerie sul monte Pasubio

Valli del Pasubio, “Il suono lontano” tra arte e montagna

Sarà una giornata all’insegna dell’arte e della montagna, quella in programma domani a Valli del Pasubio e che prende il nome di “Il suono lontano”. Questa iniziativa, che il Comune organizza assieme all’artista Marco Nereo Rotelli e all’architetto Carlo Costa, rappresenta un altro appuntamento importante nel calendario delle celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra. Gli eventi inizieranno alle 9, con l’inaugurazione delle installazioni artistiche sulla Strada delle Gallerie, per concludersi la sera, con la pièce teatrale nel Duomo di Valli.

L’iniziativa “Il suono lontano” è stata preceduta da altre proposte. Venerdì sera, infatti, c’è stato il concerto all’aperto di Patrizia Laquidara “M’incanto di luna”, in contrada Pozzera a Malunga, e questa mattina è stato inaugurato il Ponte di Corde sulla strada del Re, che verrà poi aperto al pubblico domani.

Tornando al programma di domani, l’appuntamento sarà alle 9 in località Bocchetta Campiglia, con un momento istituzionale, durante il quale Costa e Rotelli illustreranno il progetto delle tre installazioni luminose collocate lungo la Strada delle 52 Gallerie. Dalle 10 in poi si partirà alla volta del Rifugio Papa. Durante il percorso, i camminatori troveranno musicisti solisti, cinque gruppi di canto, l’Accademia Orwell e il Coro giovanile con i fiati della città di Thiene, che li accoglieranno declamando versi oppure suonando i loro strumenti, in un percorso artistico e culturale senza eguali.

I presenti potranno ammirare, per la prima volta, le installazioni luminose dell’artista Rotelli. Nelle gallerie 16, 17 e 34 saranno proiettate sulla roccia poesie di autori del ‘900 ed alcune parti del diario del Comandante Picone, il responsabile dei lavori di costruzione della Strada in tempo di guerra. Al Rifugio Papa, poi, dalle 14.30 si svolgerà una rappresentazione teatrale all’aperto a cura di Roberto Mercadini. Alle 19, al Forte Maso, si terrà la proiezione del docufilm “La linea di Pasubio”, un cortometraggio del regista Matteo Raffaelli, che racconta del conflitto sul Monte Pasubio, girato in collaborazione con l’attore Peppe Servillo e con Bepi Magrin.

Per il gran finale l’appuntamento è alle 21 nel Duomo di Valli, dove si terrà la rappresentazione di una pièce teatrale dedicata alla Grande Guerra, con protagonista Peppe Servillo, accompagnato dalla macchina intonarumori manovrata da Rotelli e Pietro Verardo. Per questo evento, il biglietto d’ingresso sarà in vendita a 10 euro. Per il programma completo della giornata si può consultare il sito internet www.viapasubio.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *