Breaking News
Vicenza, Ponte degli Angeli nei giorni dell'alluvione del 2010
Vicenza, Ponte degli Angeli nei giorni dell'alluvione del 2010

Zaia: “Un fondo mutualistico contro le calamità”

Un fondo mutualistico contro i danni del maltempo, da istituirsi su base volontaria, con la Regione che si propone come gestore unico. E’ questa la proposta alla quale sta lavorando il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, così da avere a disposizione una sorta di cassa di pronta emergenza che sia in grado di garantire indennizzi e risarcimenti a chi viene colpito dai cosiddetti eventi catastrofali.

“Ogni anno – ha evidenziato Zaia – grandi piogge, alluvioni e tracimazioni, trombe d’aria, frane, grandinate e nevicate, causano in media 3 miliardi di danni a privati, imprese, e opere pubbliche nella penisola. E’ il governo che dovrebbe pensare ad istituire una copertura assicurativa mulrisk anticatastrofe. Ma visto che non lo fa, dobbiamo inventarci un nostro strumento”.

“Stiamo infatti pensando – ha continuato – ad una formula mutualistica, non obbligatoria, non concorrenziale alle compagnie assicurative. Se ogni nucleo abitativo aderisse alla nostra proposta, versando una quota simbolica di 50 euro, avremmo a disposizione un fondo annuale di 150 milioni di euro per ristorare chi è stato danneggiato da grandi eventi calamitosi”.

“La formula – ha aggiunto – va studiata bene. Vanno definite regole, capitolato, categorie di accesso e parametri di valutazione degli eventi atmosferici. Una quota del fondo dovrebbe essere vincolata a impieghi con rientro cadenzato, come i fondi di rotazione, e una parte dovrebbe invece essere erogata in via diretta agli aderenti, in misura proporzionale ai versamenti fatti e ai beni interessati, alla chiusura dell’esercizio annuale”.

“Si tratta – ha concluso Zaia – di uno strumento innovativo che potrà avere successo nella misura in cui i veneti ci crederanno. Si avrà accesso agli indennizzi risarcitori solo se si aderirà al fondo anticalamità, secondo la logica assicurativa. Ma non sarà una assicurazione, solo un patto di mutuo aiuto tra tutti i veneti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *