Vicenzavicenzareport

Vicenza, presto uno stadio Menti tutto nuovo

Sarà dalla collaborazione tra il Vicenza Calcio, la Lega di serie B e l’amministrazione comunale berica che nascerà il nuovo stadio Menti. Si tratterà di una completa ristrutturazione dello storico impianto cittadino, per il quale c’è in programma un restyling importante ed un ammodernamento sostanziale, con l’aumento anche della capienza che dovrebbe arrivare a 17 mila posti. E inoltre non ci sarà solo calcio nel futuro dell’impianto di via Schio, una volta che sarà stato rimesso a nuovo, ma anche eventi di aggregazione, non necessariamente legati allo sport.

Un’idea, questa, che rientra in un processo di rilancio degli stadi di medie dimensioni che la Lega B sta portando avanti in alcune città italiane sulla falsariga di rodati modelli europei. Se ne è parlato oggi pomeriggio, a Vicenza, Palazzo Trissino, nel corso di un incontro tra il sindaco, Achille Variati, il presidente del Vicenza Calcio, Alfredo Pastorelli, e quello della Lega nazionale professionisti serie B, Andrea Abodi, accompagnato dal direttore generale Lega serie B, Paolo Bedin.

“Variati – spiega in una nota Palazzo Trissino – ha accolto con interesse la proposta di approfondire la possibilità di affidare al Vicenza Calcio e alla Lega  di serie B, attraverso lo strumento B Futura, una società di consulenza partecipata al 100% dalla Lega, la progettazione e la successiva realizzazione del rifacimento del Menti, non solo come sede di eventi calcistici, nel rispetto dei più recenti standard Uefa, ma anche, appunto, come luogo di aggregazione di moderna concezione, in cambio della concessione del diritto di superficie per un tempo sufficiente ad ottimizzare l’investimento”.

Nei prossimi mesi verranno condotti approfondimenti sulla sostenibilità del progetto, sia da un punto di vista economico, con un spesa prevista di almeno 35 milioni di euro, garantiti da privati, che per quanto riguarda la fattibilità e i vincoli urbanistici e ambientali. Ecco che, per questo, l’amministrazione comunale prevede di ritirare la candidatura alle finali del campionato europeo di calcio under 21 del 2019. Per proporsi come impianto ospitante, infatti si dovrebbero effettuare dei lavori, che però potrebbero risultare incompatibili con il progetto di riqualificazione generale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button