Arte, Cultura e Spettacoli

Vicenza, musica e prosa ai tempi della Serenissima

Ultimo appuntamento, a Vicenza, con le Openights della Società del Quartetto, a Palazzo Leoni Montanari, domani, venerdì 5 agosto, alle 21. Sarà una serata dedicata alle canzoni e ai racconti d’amore ai tempi della Serenissima. Ad oltre due secoli dalla firma del Trattato di Campoformido del 1797, che sancì di fatto la caduta della Repubblica di Venezia, l’ensemble “Andrea Palladio” (composta dalla soprano Floriana Fornelli, con Enrico Zanovello al clavicembalo e Steno Boesso al fagotto) e l’attore Pino Costalunga danno vita ad un divertente concerto spettacolo che ha come filo conduttore proprio l’amore in quei tempi lontani.

La parte musicale della serata spazia tra le popolari canzoni da battello (fra le quali la celeberrima “Biondina in gondoleta”), le ballate di Giovanni Giacomo Gastoldi, gli “Scherzi musicali” di Claudio Monteverdi, fino alle cantate di Vivaldi. Fra un brano e l’altro Costalunga, con costumi d’epoca, reciterà brani dei vari Ruzante, Gozzi, Giustinian, Goldoni, ma anche storie di cultura popolare tratte dalla Commedia dell’Arte.

Formatasi sia come solista che nel repertorio lirico e antico, Floriana Fornelli ha vinto numerose competizioni internazionali e ha collaborato con personaggi come Mirella Freni, Renato Bruson, Donato Renzetti, Ennio Morricone e molti altri. Nel 2007 è stata la solista nel concerto di Morricone in Piazza San Marco. Insegnante al Conservatorio di Vicenza, Enrico Zanovello svolge un’intensa attività concertistica come organista e cembalista. Direttore e solista del coro e orchestra barocca “Andrea Palladio”, è uno specialista della musica italiana del settecento. Strumentista in orchestre prestigiose, Steno Boesso invece è spesso invitato a collaborare con i più importanti ensemble barocchi dell’attuale panorama internazionale.

Quanto a Pino Costalunga, infine, è un attore, regista, autore e didatta vicentino che vanta una pluridecennale attività in Italia, ma soprattutto all’estero, dove i suoi corsi sulla Commedia dell’Arte sono seguitissimi dagli studenti delle accademie teatrali. Da ricordare che, prima del concerto, a partire dalle 20,45, le Gallerie d’Italia propongono una nuova puntata degli “Assaggi d’arte”, brevi passeggiate fra i capolavori di Palazzo Leoni Montanari. Questa settimana, collegato al tema musicale, viene proposto l’itinerario A colpi di ventaglio: corteggiamento e matrimonio al tempo di Pietro Longhi. Si tratta di un invito a cercare i dettagli nascosti e i messaggi segreti racchiusi nel tessuto iconografico dei dipinti di Pietro Longhi e della sua cerchia.

La rassegna OpeNights è realizzata in collaborazione con le Gallerie d’Italia di Palazzo Leoni Montanari e con il Comune di Vicenza, nell’ambito della cartellone “L’estate a Vicenza 2016” promosso dall’assessorato alla crescita. I biglietti si possono acquistare la sera del concerto, a partire dalle 20,15, presso la biglietteria di Palazzo Leoni Montanari. In caso di maltempo il concerto si svolgerà nel Salone d’Apollo di Palazzo Leoni Montanari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button