lunedì , 25 Ottobre 2021

Shakespeare e il canto d’amore a “Vicenza in Lirica”

Sarà una serata importante quella del 28 agosto, secondo appuntamento del Festival “Vicenza in Lirica”, ideato ed organizzato dalla associazione “Concetto Armonico”, con il sostegno e l’ospitalità del Comune di Vicenza e delle Gallerie d’Italia Palazzo Leoni Montanari. Si terrà nella stupenda cornice del Teatro Olimpico, anche a celebrazione dei 400 anni dalla morte di William Shakespeare. Andrà infatti in scena lo spettacolo dal titolo “Shakespeare e Da Porto, lirica d’amore”, nel quale, spiegano gli organizzatori, “la parola si unirà alle arti della musica e della danza, che da questa hanno tratto ispirazione”.

Introdotti da Sabino Lenoci, direttore del mensile “L’opera”, si esibiranno sul palco dell’Olimpico attori, ballerini, musicisti e cantanti lirici che ricorderanno il Bardo, collegandolo alla figura di quel Luigi Da Porto, illustre vicentino, senza la cui novella molto probabilmente il mondo avrebbe perso la storia d’amore di Romeo e Giulietta, la più amata e conosciuta di tutti i tempi. Impossibile ricordare Shakespeare senza partire dalle sue opere, e l’attrice vicentina Stefania Carlesso, novella Arianna, farà scorrere un filo prezioso tra parola, gesto e musica e ci inviterà a seguirla in un viaggio attraverso le arti sorelle di musica e danza.

La danza avrà come rappresentanti due artisti come Fernando Montaño e Roberta Marquez, provenienti da uno dei corpi di ballo più noti al mondo per storia e tradizione, il Royal Ballet di Londra. I solisti eseguiranno, dal noto balletto “Romeo e Giulietta” di Prokofiev, “Balcony” e “La morte di Romeo e Giulietta”, sulla coreografia di Julieta e Kenneth Mc Millan. Fernando Montaño presenterà inoltre un’inedita coreografia ispirata a “Giulio Cesare”, su musica di Richard Addinsell (1904 – 1977) con un costume, creato per l’occasione da Edward Lidster.

La vocalità sarà rappresentata dal soprano Marta Mari, vincitrice del Sarzana Opera Festival, e dal contralto Victoria Lyamina, impegnate in alcune arie dal verdiano “Falstaff” e dal rossiniano “Otello”. Non va dimenticato l’ulteriore omaggio alla tragedia degli amanti di Verona, ricordati anche dal trio composto dal violinista Enrico Balboni, Gianluca Saccari al violoncello e Natalia Kukleva al pianoforte.

Da segnalare infine che la serata, dedicata alla memoria del grande soprano Daniela Dessì, vedrà la consegna del Premio alla carriera “Concetto armonico Vicenza in Lirica 2016” al noto contralto Bernadette Manca di Nissa, che sarà protagonista anche di un prologo alla serata, sempre domenica ma alle 17. Nel Salone d’Apollo delle Gallerie d”Italia Palazzo Leoni Montanari, si esibiranno in concerto gli allievi della master class di canto lirico tenuta dalla stessa Bernadette Manca di Nissa. I giovani artisti, accompagnati al pianoforte da Federico Brunello, eseguiranno alcune delle arie più celebri del repertorio operistico. L’ingresso sarà libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità