Sindacati preoccupati per il futuro alla Metalpress

Sindacati vicentini dei metalmeccanici, Fim, Fiom e Uilm, preoccupati per gli sviluppi che si profilano per l’azienda Industrie Metalpres Srl, di Castelgomberto. La direzione aziendale ha infatti convocato sindacati e Rsu per illustrare la situazione che si è creata dopo “reciproci contenziosi legali tra l’attuale proprietà e il Concordato della precedente proprietà”.

“Nei giorni scorsi – spiegano i sindacalisti -, al termine dell’incontro, abbiamo ricevuto una email dall’azienda, con la decisione del giudice di procedere al sequestro giudiziario degli immobili produttivi e quindi liberare, da cose e persone, i reparti di un sito produttivo addetto alle lavorazioni meccaniche, a Cornedo Vicentino. La comunicazione ci ha sorpreso, anche perchè la ripresa produttiva delle Industrie Metalpres Srl, con la nuova gestione di Orange 1 Group, dal 2014 sta dando risultati rassicuranti di tenuta occupazionale e di profitto”.

“Su questa complicata ed articolata vicenda – continuano Fim, Fiom e Uilm -, come delegazione sindacale, precisiamo di non essere nelle condizioni di esprimere giudizi di merito e tantomeno intendiamo sostenere ragioni di parte. Tuttavia, l’esito del contenzioso giuridico complica il futuro dei lavoratori e delle loro famiglie. Ora, indipendentemente dalle vicende giudiziarie, chiediamo che i lavoratori non subiscano un calvario fatto di incertezze e perdite di reddito”.

“In questo senso – concludono i sindacati – si è deciso di promuovere le necessarie iniziative di protesta, finalizzate alla salvaguardia occupazionale e al mantenimento delle attività produttive, auspicando che quanto accaduto non sia strumentalmente utilizzato per dismissioni o decentramenti che potrebbero riguardare, a lungo termine, anche il sito produttivo addetto alla pressofusione, cosa che porterebbe al un coinvolgimento di 125 lavoratori. Come delegazione sindacale e in accordo con i dipendenti, intendiamo chiedere i necessari confronti istituzionali, finalizzati esclusivamente alla tutela dell’occupazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *