Veneto

Danni da maltempo, 31 milioni di euro al Veneto

“Una risposta di concretezza a chi ci ha accusato di chiedere danni per calamità naturali così, tanto per fare, senza ottenere nulla. Il nulla si è tramutato in 31 milioni di euro. Non molti se confrontati ai 103 milioni di danni subiti, ma veri e conquistati con un lavoro infinito di tutte le strutture tecniche regionali e con la tenacia propria del carattere dei veneti”.

Con queste parole, il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha commentato la pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale di sabato 20 agosto, dell’ordinanza con cui il capo della Protezione civile nazionale assegna al Veneto la somma di 31 milioni di euro per far fronte ai danni da maltempo a partire dal 2013.

“Una boccata d’ossigeno attesa ma anche dovuta dallo Stato – sottolinea il presidente della Regione – a fronte di danni accertati, tra soggetti privati e attività produttive, pari a circa 103 milioni complessivi, dei quali quasi 62 milioni 700 mila euro riguardanti i privati e oltre 40 milioni le attività produttive. Si tratta di eventi di grande portata come la tromba d’aria della Riviera del Brenta e le frane in Cadore dell’8 luglio e 4 agosto 2015; le alluvioni e tracimazioni verificatesi dal 16 al 24 maggio 2013 in 102 comuni veneti; le grandi nevicate e piogge cadute tra il 30 gennaio e il 18 febbraio 2014”.

“I nostri tecnici – conclude Zaia – hanno già avviato il lavoro di confronto con gli enti locali per distribuire equamente l’intera somma ed espletare tutte le procedure che, come noto e non per colpa nostra, sono assai complesse e richiederanno in tutto circa 100 giorni di lavoro per la presentazione delle domande e le istruttorie da parte dei Comuni e della Regione. Questa tranche riguarda i privati, ora attendiamo con fiducia l’impegno assunto per il 2017 rispetto ai danni subiti dalle attività produttive”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button