Organo Zordan del 1882, nella chiesa parrocchiale di Quinto Vicentino
Organo Zordan del 1882, nella chiesa parrocchiale di Quinto Vicentino

Al via il Festival sugli organi storici del vicentino

Al via questa sera la 19esime edizione del Festival concertistico internazionale sugli organi storici del vicentino, patrocinato dalla Provincia di Vicenza. Il calendario, che affianca tradizione e innovazione, prevede ventinove appuntamenti ad ingresso libero che si susseguiranno fino al 18 dicembre.

Ad aprire la rassegna, oggi, alle 20.45, nella chiesa parrocchiale di Valli del Pasubio, sarà il maestro Giampietro Rosato, che si esibirà all’organo dei Fratelli Serassi del 1832. Con lui i Sonatori della Gioiosa Marca, fra gli ensemble più noti nel panorama europeo per l’interpretazione della musica antica.

Seguirà, lunedì 15 agosto, a Marana di Crespadoro, ancora alle 20.45, una serata durante la quale la musica dell’organo G.B. Zordan del 1879, eseguita dal maestro Maurizio Maffezzoli, sarà accompagnata dalla voce del mezzo soprano Elisabetta Pallucchi. Il programma completo del festival è reperibile visitando la pagina Facebook ufficiale dell’evento.

Lo scopo di questa rassegna è quello di valorizzare uno strumento che nel vicentino ha radici profonde, per la presenza nel territorio di un centinaio di organi storici, dei quali una sessantina restaurati ed efficienti, ma anche di scuole organarie e organisti di fama internazionale.

“Uno strumento nobile per sonorità – spiega una nota di presentazione dell’evento -, ma legato alla quotidianità delle liturgie religiose, e per questo molto amato dagli esperti di musica e dalla gente comune. E’ forse questo il motivo che ha reso il Festival sugli organi storici una delle rassegne concertistiche più apprezzate e longeve del territorio e che spinge anno dopo anno il maestro Enrico Zanovello, suo ideatore e curatore, a tenere viva una rassegna che offre musica di qualità in alcune delle chiese più belle del vicentino”.

Protagonisti di questa edizione solisti di fama internazionale, come ad esempio Katerina Chrobokova, della Repubblica Ceca, che suonerà il 5 novembre nella chiesa di San Gaetano, a Vicenza e lo svizzero Jean-Christophe Geiser (12 novembre, Cattedrale di Vicenza), accompagnati da alcune delle formazioni corali più significative del nostro territorio. Ancora, compagini strumentali come l’orchestra Andrea Palladio e La Fraglia dei Musici (8 ottobre, Monteviale), ma anche singoli strumenti a duettare con l’organo, come la tromba di Davide Xompero (11 dicembre, Quargnenta di Brogliano), l’oboe di Michele Antonello (29 settembre, a Vicenza) o il clarinetto di Raffaele Bertolini (11 settembre, Pieve di S. Eusebio Bassano del Grappa).

Una novità è l’iniziativa “Le note del gusto”. In sette degli appuntamenti in programma, a fine concerto, verrà offerto un buffet con degustazione di prodotti locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *