Breaking News

Vigili del fuoco ieri appiedati. “I mezzi sono obsoleti”

“La sirena suona e come al solito tutti si danno da fare. Si sale sul mezzo orgogliosi di essere pompieri, o forse, come dicono alcuni, vigili del fuoco.” E’ l’inzio di una nota diffusa oggi dal sindacato autonomo Usb, Coordinamento nazionale Vigili del fuoco, che con non poca amarezza denuncia quanto è successo ieri ad una squadra dei pompieri Lonigo durante un loro intervento. Era un’emergenza, e ne parlavamo in questa pagina, una di quelle notizie di cronaca che di per sé sono un pugno nello stomaco perché parlano di morte. A conoscere poi anche anche certi retroscena, come i disagi che chi cerca di salvare una vita è costretto a sopportare, si resta davvero con l’amaro in bocca.

Quello che è successo è presto detto: i vigili del fuco correvano a Sossano per soccorrere l’agricoltore rimasto schiacciato sotto il trattore quando il loro mezzo si è fermato. Un guasto? Ebbene, sembra che i pompieri le revisioni dei mezzi debbano farsele da soli! E che il parco macchine si a dir poco obsoleto. Viene da chiedersi se succedono cose del genere anche nell’imponente flotta italiana delle auto blu. Ma, a parte questo, ecco il racconto di quanto è successo.

“Una volta sul mezzo – scrive il sindacato di base dei vigili del fuoco – c’è sempre qualcuno che, usando un tono acceso, ricorda che c’è da fare presto, c’è una vita da salvare. Ma è proprio a qualche chilometro dal luogo dell’ intervento che avviene l’imprevisto. Il mezzo si ferma! Puoi fare e dire quello che vuoi, puoi arrabbiarti con il mondo, ma non c’è nulla da fare: il mezzo è morto. Allora dai spazio alla genialità e fermi il primo furgone che passa, carichi l’attrezzatura che credi necessaria e cominci a correre nel tentativo di fare il tuo mestiere: il pompiere”.

“Abbandonati dalla politica che non ci considera – continua il sindacato Usb -, ma sempre pronti ad intervenire, come ci viene richiesto. Non diciamo che le revisioni ce le facciamo da soli e ci autopromuoviamo da soli, che i mezzi hanno almeno 25 anni di servizio, questa è polemica. Siamo stanchi di dover combattere contro gli arroganti della politica e della nostra amministrazione che dall’alto dei loro stipendi da nababbi pensano di poter denigrare chi, ogni giorno, prova a portar soccorso anche con mezzi non più idonei, come i colleghi di Lonigo hanno dimostrato”.

“Forse – si legge in conclusione – c’è bisogno di chiarire un po’ di chi sono le colpe. Sicuramente l’amministrazione era al corrente di tutto. Non possiamo credere che sia tutta colpa del caso! I mezzi vanno riparati e se sono vecchi vanno sostituiti. Come Usb attendiamo risposte serie e responsabili da parte della dirigenza perché non si può arrivare al punto di credere che quello che è successo oggi potrà ripetersi domani. Usb, in caso di mancata risposta, procederà per quanto di competenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *