Breaking News

Vicenza, connessione WiFi pubblica in crescita

Sono sei i gestori a cui il Comune di Vicenza ha affidato le reti wifi per la connessione gratuita ad internet in alcune zone della città. Due convenzioni però sono scadute, così Palazzo Trissino ha indetto una gara per riassegnare, per tre anni, la gestione delle relative reti, che coprono complessivamente circa 360 mila metri quadrati serviti da 28 hotspot, di cui 25 della rete Vicenza WiFi (18 tra biblioteche e circoscrizioni e sette outdoor nelle piazze di quartiere) e altri tre della rete Veneto Free WiFi realizzata nel 2014 con un finanziamento specifico della Regione Veneto.

Il bando richiede inoltre l’attivazione ex novo di altri hotspot per la copertura dell’area in cui si trovano quattro case dell’acqua già installate (a San Pio X in via Giuriato, a San Lazzaro in via Albinoni, in Riviera Berica in via Salvemini e a San Bortolo in via Prati), l’area di un’altra casetta in fase di installazione (in via Trieste) e di un’altra area da definire, attualmente scoperta.

“Nel capitolato – ha spiegato l’assessore alla semplificazione e innovazione Filippo Zanetti, presentando le novità a palazzo Trissino – abbiamo previsto anche l’utilizzo del sistema di autenticazione federato regionale MyId e del sistema pubblico di identità digitale Spid. L’obiettivo infatti è unificare le modalità di accesso. Cominceremo dagli hotspot che gestiamo noi direttamente, per poi interessare via via gli altri gestori con cui abbiamo attive le convenzioni”.

Il bando è stato pubblicato sulla piattaforma Mepa (Mercato elettronico della pubblica amministrazione), dopo che il Comune aveva già ricevuto la manifestazione di interesse da parte di sette società invitate a concorrere per l’aggiudicazione. Entro il 18 agosto dovranno presentare un’offerta, posto che il valore dell’appalto è di 48 mila euro (oltre all’iva al 22%). Nel frattempo il servizio è stato prorogato con le due società precedenti per massimo altri sei mesi, in attesa che si concluda la gara.

“Si tratta di risorse – ha aggiunto Zanetti – che in larga parte avevamo già a disposizione grazie alle economie derivanti dalla prima gara. Già adesso comunque gli hotspot sono distribuiti da Polegge alla Riviera Berica, da Ospedaletto a San Lazzaro. Zanetti ha quindi illustrato i dati sull’effettivo utilizzo del servizio, partendo da un dato: oltre 24 mila accessi unici al mese che arrivano da notebook, palmari, tablet e smartphone. “Un dato rilevate e forse sottostimato – ha osservato -, dal momento che, se un utente usa lo stesso account per più volte al giorno, non viene conteggiato ad ogni accesso”.

Nel dettaglio, il servizio di connessione ad internet gratis e senza fili (oltre 60 punti di accesso per una copertura di circa 630 mila metri quadrati), ha registrato nel primo semestre dell’anno 144 mila accessi unici. Gli hotspot più frequentati sono, nell’ordine, quelli del piazzale della stazione ferroviaria (15.348 accessi), di piazza Castello (11.653), della circoscrizione 6 al Villaggio del Sole (11.268), della parrocchia di sant’Andrea (9.407), della circoscrizione 4 di via Turra (7.465), di piazza Matteotti (7.104), piazza dei Signori (6.923) e piazza san Lorenzo (5.471).

I circuiti WiFi attivati a Vicenza grazie a convenzioni sono: WifiPlaza con Telemar per 36 hotspot che coprono 244 mila metri quadrati, Tiscali con 25 hotspot per 350 mila metri quadrati, Veneto Free Wifi con tre hotspot di Telemar (attivati con finanziamento regionale) che coprono 12.500 metri quadrati, tre hotspot con E4A per 6.500 metri quadrati e un hotspot di Confidustria Vicenza per 12.300 metri quadrati, cui si aggiunge il parco acquatico di via Forlanini grazie all’hotspot Free Interplanet Wi-fi Star che copre 3.700 metri quadrati. Le istruzioni per connettersi sono pubblicate in questa pagina del sito del Comune di Vicenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *