Breaking News

Vicenza città palcoscenico nella “Notte della danza”

Ballando sotto le stelle. Uno slogan che si fa realtà questo sabato, 9 luglio, a Vicenza. Dalle 21.15 alle 23.30, la città del Palladio si trasformerà in palcoscenico per la “Notte della danza”, iniziativa promossa dall’assessorato alla crescita del Comune di Vicenza e dalla compagnia Naturalis Labor, inserita nella rassegna “L’estate a Vicenza 2016”, con la collaborazione di Arco Danza, associazione regionale delle compagnie di danza.

Quest’anno la “Notte della danza” andrà ad animare alcuni luoghi del centro storico: piazza dei Signori, tra le due colonne e sotto la Basilica Palladiana, il cortile di palazzo Trissino, la Loggia del Capitaniato e il giardino di Santa Corona, con accesso da corso Palladio. In caso di pioggia gli eventi si terranno alle 21.30 nella Loggia del Capitaniato e alle 22.15 nel salone d’onore di palazzo Chiericati. “Un format, quello della Notte della danza, che lo scorso anno è stato molto seguito e apprezzato – dichiara Luciano Padovani, ideatore della serata -. Ho pensato quindi di riproporla, d’intesa con il Comune di Vicenza. Ci saranno molti stili di danza, ma un unico paesaggio: la nostra città”.

Agli eventi, tutti ad entrata gratuita, parteciperanno compagnie nazionali e realtà del territorio. La serata si aprirà alle 21.15 in piazza dei Signori con “Sisterhood”, tribal dance di Paola Maya. A seguire, nella Loggia del Capitaniato, si alterneranno varie compagnie. Tra le altre, Lucy Briaschi presenterà alle 21.40 un estratto dal suo ultimo lavoro, “Corpi fragili”. La serata proseguirà nel cortile di palazzo Trissino, dove la compagnia Naturalis Labor presenterà un estratto dallo spettacolo “La Grande Guerra delle donne”, un toccante racconto in danza sulla Grande Guerra vista e vissuta dalle donne. Nel giardino di Santa Corona, alle 22.30, andrà in scena “Il gatto nero” su musiche di Erik Satie, di e con Ambrose Laudani, per la compagnia Tocna Danza di Venezia.

“Timeless passion”, invece, è una coreografia ispirata a “Il bacio” di Auguste Rodin che verrà messa in scena, per la compagnia Fabula Saltica, da Laura De Nicolao e Claudio Pisa in Loggia del Capitaniato verso le 22.45. Nei portici della Basilica palladiana, alle 23, Naturalis Labor proporrà “Tempus Fugit”, una coreografia di Luciano Padovani che evoca atmosfere barocche grazie alle musiche originali del compositore vicentino Diego Dall’Osto. Chiuderà la serata il nuovo “Storie parallele” della coreografa vicentina Annalisa Bannino, che con Francesca Molon darà vita a un duo su testi della poetessa Alda Merini. Vicenza si trasformerà, così, di nuovo, in una città danzante, pronta ad animare un’altra notte di mezza estate con movenze poetiche e musiche d’autore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *