Breaking News

Vicenza Calcio, è il giorno più lungo…

C’è apprensione in queste ore per il futuro del Vicenza Calcio. Si tratta di un vero fulmine a ciel sereno, che si è abbattuto sui colori biancorossi quando tutto sommato si credeva che il più fosse fatto e ci si sentiva persino autorizzato ad un certo ottimismo. E’ stato il Giornale di Vicenza a rivelare quanto sta succedendo, qualcosa cioè che potrebbe vanificare gli sforzi portati avanti da mesi per raddrizzare la situazione, con la vendita a nuovi soci della società e la negoziazione con il fisco di un debito pregresso sostanzioso.

Tiziano Cunico
Tiziano Cunico

Messi a punto questi tasselli del puzzle, arriva ora un’altra tegola, che consiste nell’opposizione, presentata al Tribunale di Vicenza dall’ex presidente Tiziano Cunico, all’omologa chiesta dalla società per la ristrutturazione del debito. Il giorno decisivo è martedì, quando la sezione fallimentare del Tribunale di Vicenza dovrà esprimersi in proposito e, se non darà il via libera, già in mattinata, al club di Via Schio, il Vicenza non potrà iscriversi al campionato di serie B.

Tutto era cominciato circa un anno e mezzo fa, quando la società aveva bisogno di denaro liquido e l’allora presidente Cunico chiese ed ottenne un finanziamento di 1,2 milioni di euro. La proprietà era della famiglia Cassingena. Tempo dopo, quando si stava concretizzando la vendita del club biancorosso alla Vi.Fin., Cunico chiese di essere sollevato dagli obblighi debitori che aveva sottoscritto, ma non avrebbe ricevuto alcuna risposta. Di qui dunque la sua iniziativa di ricorrere alla giustizia, un passo però, certamente sofferto, che potrebbe portare al disastro un Vicenza Calcio che cerca di risollevarsi faticosamente da una situazione che è da tempo assai difficile.

Un fulmine al ciel sereno, tutto questo, è stato anche per gli attuali proprietari dei colori biancorossi, Alfredo Pastorelli e Marco Franchetto, che si sono detti molto sorpresi per questi sviluppi inattesi e allarmanti, sottolineando che “si tratta di una diatriba tra vecchi socie alla quale Vi.Fin è del tutto estranea”. Addetti ai lavori e tifosi dunque in queste ore incrociano le dita e sperano che qualcosa succeda e che ci sia, alla fine, il via libera all’omologazione del debito del Vicenza. Data la situazione, se così non sarà, per la squadra è addirittura a rischio la sopravvivenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *