Breaking News
Veduta estiva della vetta del Gran Zebrù - Foto di Marco Barci (CC BY-SA 3.0)
Veduta estiva della vetta del Gran Zebrù - Foto di Marco Barci (CC BY-SA 3.0)

Trovati morti i due giovani alpinisti dispersi sull’Ortles

Sono stati trovati morti, questa mattina, i due giovani alpinisti del vicentino dispersi da due giorni nelle montagne dell’Alto Adige, nel gruppo dell’Ortles, sopra Merano. I corpi di Davide Zanon, 21 anni, e di Debora Meneghini, 22 anni, entrambi della zona del bassanese, sono stati avvistati circa 500 metri sotto la cima del Gran Zebrù. Si ritiene siano caduti proprio mentre scendevano dalla vetta della montagna, che è alta 3857 metri.

Davide Zanon
Davide Zanon

I due ragazzi erano legati in cordata e, probabilmente, uno dei due è scivolato ed ha trascinato con sè l’altro nella caduta. Erano partiti all’alba di domenica, dicendo che volevano fare un’escursione, di fatto una scalata, spingendosi fin sulla vetta del monte Gran Zerbù, spingendosi ad oltre 3800 metri. Nonostante la giovane età i due erano alpinisti esperti, appassionati della montagna fin dall’infanzia, e la ragazza aspirava anche a diventare istruttrice di arrampicata. Erano entrambi iscritti da anni al Cai (Club alpino italiano), la ragazza alla sezione di Bassano del Grappa e Marostica, mentre il suo compagno a quella di Castelfranco Veneto.

Debora Meneghini
Debora Meneghini

I loro genitori, preoccupati perché dopo l’escursione non erano rientrati, avevano dato l’allarme già nella serata di domenica e le ricerche erano partite subito, con gli uomini del soccorso alpino impegnati a perlustrare la zona in elicottero.

Ieri, in quota, in quella zona, c’era una fitta nebbia nel pomeriggio, e per questo non vi sono stati risultati e le ricerche sono state sospese. Stamane, purtroppo, alla ripresa della perlustrazione dall’alto, c’è stata la triste scoperta dei corpi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *