Breaking News

Trissino, ok analisi Arpav sull’incendio in conceria

Non ha avuto conseguenze, né di tipo ambientale né sanitario, l’incendio che si è sviluppato nei giorni scorsi alla conceria Basmar, di Trissino, e per il quale c’era stata molta apprensione per via di quella alta colonna di fumo che si era levata dal reparto colori. DEl resto tutti sappiamo che in conceria si usano prodotti chimici, tra i quali i solventi, spesso infiammabili e pericolosi. E l’incendio si era sviluppato proprio nel reparto di spruzzatura dei colri, ed aveva coinvolto i solventi.

Non a caso erano subito intervenuti i tecnici dell’Arpav, che hanno prelevato campioni da analizzare subito in modo da non essere impreparati in caso di inquinamento. Ora sono stati resi noti i risultati delle analisi e, citiamo quanto comunica l’Arpav, “gli esiti dei prelievi dell’aria nella zona di ricaduta non hanno evidenziato alcuna problematica né ambientale né sanitaria”.

“Per la qualità dell’acqua .- continua l’Arpav illustrando invece i risltati delle analisi sulla risorsa idrica – veicolata verso il corpo recettore, ovvero l’acqua di spegnimento dell’incendio, l’esito è quello atteso per il tipo di lavorazione. L’attività sul campo è quindi consistita nel pompare l’acqua recuperabile dal torrente Poscola all’impianto di depurazione aziendale per il necessario trattamento ed infine allo scarico in fognatura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *