Breaking News

Spiagge, Zaia: “Euroburocrati distruggono tutto”

“Ancora una dimostrazione del perché, di questa Europa, non sappiamo cosa farcene. Il Veneto, gli operatori veneti, la prima economia del Veneto, si aspettano una reazione dura e inequivocabile dal nostro Governo. Gli euroburocrati stanno distruggendo l’economia turistica delle spiagge italiane e venete. E’ evidente che chi ha scritto quelle norme vive dove ci sono solo scogliere e non sa quanti e quali investimenti servono per rendere una spiaggia accogliente, moderna, pulita”.

Così il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia commenta “con sgomento e totale contrarietà” la decisione della Corte Europea di bocciare la proroga automatica decisa dall’Italia per le concessioni demaniali marittime e lacustri fino al 31 dicembre 2020.

“Chi sa fare meglio ha diritto di farsi valere – aggiunge Zaia – ma questa non è una liberalizzazione, è l’azzeramento stolto di un’intera imprenditoria, la cancellazione di una tradizione che si traduce in qualità, la messa a rischio di posti di lavoro. Per andare verso una liberalizzazione seria occorre tempo, bisogna tenere presente la necessità degli imprenditori di ammortizzare gli investimenti, creare priorità nei bandi nei quali si tenga ben presente la storia e la qualità di un riviera e dei servizi creati. Bisogna usare il cervello, pratica evidentemente poco diffusa nel burosauro europeo”.

“Da Bruxelles e dintorni – conclude Zaia – arrivano quasi ogni giorno norme assurde, che ricordano tanto lo spirito con il quale in Italia si arrivò a decidere che l’altezza media dei soldati non doveva superare quella del Re: poco buon senso e ossequio al potente di turno, nel nostro caso Paesi senza spiagge e, in qualche caso, persino senza mare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *