Breaking News
Vicenza

Vicenza, il Comune torna ad assumere. 24 posti in 3 anni

Ventiquattro dipendenti verranno assunti in Comune a Vicenza, entro il 2018, grazie allo sblocco delle assunzioni. Il piano triennale delle assunzioni approvato dalla giunta prevede che già entro la fine del 2016 vengano messi a concorso tredici posti, dei quali nove appartenenti a categorie protette.

Nel dettaglio, entro dicembre verranno messi a concorso due posti per funzionario amministrativo, uno per funzionario tecnico e uno per istruttore direttivo musei. Nei prossimi giorni inoltre verrà assunto anche un agente di polizia locale, ma attingendo da una graduatoria già pronta.

“La delibera approvata dalla giunta – spiega una nota diramata in proposito da Palazzo Trissino – prevede l’assunzione, entro il 2016, di sette persone con disabilità: due addetti ai servizi scolastici e cinque istruttori amministrativi, ai quali si aggiungeranno quattro persone figlie di grandi disabili per coprire un posto di assistente sociale, un posto di istruttore direttivo tecnico e due posti di istruttore amministrativo. Ad esclusione degli addetti ai servizi scolastici, che verranno indicati dal centro per l’impiego, gli altri nove posti verranno assegnati mediate concorso”.

Sempre entro il 2016, è previsto inoltre l’arrivo in mobilità esterna, e quindi da altri enti, di un agente di polizia locale e di quattro istruttori amministrativi, che andranno a rafforzare il Suap, i lavori pubblici e la biblioteca, settori che negli ultimi anni hanno avuto tanti pensionamenti, senza ricambi. Per finire, tra il 2017 e il 2018, il piano triennale delle assunzioni approvato dalla giunta stabilisce che verranno assunti per concorso altri tre dipendenti: un istruttore direttivo amministrativo, un istruttore amministrativo e un esecutore di biblioteca.

“È la più importante manovra di assunzioni di personale degli ultimi anni da parte del Comune – ha commentato l’assessore alla semplificazione e innovazione Filippo Zanetti, illustrando la delibera di giunta che dà il via all’assunzione – e forse sarà anche l’ultima di queste dimensioni. Ora che abbiamo conferma che non ci sono esuberi di personale di area vasta in Veneto, possiamo procedere con nuove assunzioni. E grazie alle economie operate negli ultimi anni, possiamo permetterci un’operazione che complessivamente vale 500 mila euro per il 2016, già coperta dal bilancio del personale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *