Provinciavicenzareport

Rosà, lavori e cantieri aperti su scuole e strade

Lavori in corso, a Rosà, con scuole, edifici pubblici e strade interessate da interventi di ammodernamento e di miglioramento energetico. “Abbiamo aperto cantieri – ha infatti spiegato il sindaco, Paolo Bordignon – per circa otto milioni di euro, in buona parte finanziati da contributi europei e regionali”.

I lavori nelle scuole rientrano nel progetto definitivo approvato nel 2014 per rendere gli edifici scolastici più efficienti, dal punto di vista energetico. Scendendo più nel dettaglio, gli interventi alla primaria Marangoni di Travettore, interessano il rivestimento degli esterni “a cappotto”, la sostituzione dei serramenti, la realizzazione del controsoffitto antisfondellamento, la sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con nuovi corpi a led e la sostituzione dell’impianto di riscaldamento della palestra.

Ancora, alla primaria Zanella di S. Anna, dove già nel settembre 2015 sono state sostituite la centrale termica e le canne fumaria, verrà ora posato il cappotto, saranno sostituti i serramenti ed istallate nuove lampade a led. I lavori alla Media Roncalli riguarderanno invece la sostituzione degli infissi, la coibentazione delle murature perimetrali e la sostituzione delle lampade con nuove a led.

Infine, la realizzazione del polo scolastico a servizio delle frazioni di Cusinati e San Pietro è giunto al termine e sabato 30 luglio, nel corso di una cerimonia con l’apertura al pubblico, la Vardanega Costruzioni consegnerà l’opera al Comune di Rosà. A breve verrà presentata la gara per la realizzazione delle opere viarie e per gli arredi mentre è stato siglato un accordo per la posa della fibra ottica.

Passando poi alla rete di illuminazione pubblica, è previso un ammodernamento, con il passaggio alle lampade al led, con l’installazione dei riduttori di flusso e la sostituzione di più di 1800 corpi illuminanti vetusti e degli impianti aerei. L’intervento riguarderà il 70% della rete, mentre la rimanente parte, dopo verifiche effettuate, è considerata già a norma ed efficiente. Il costo complessivo dell’operazione è di 1 milione 114 mila euro, finanziati per il 70% da contributi regionali e da fondi europei. I lavori, iniziati in luglio, verranno consegnati a fine agosto.

Per finire, l’impianto di teleriscaldamento a biomassa legnosa è oggetto del potenziamento della rete. I lavori prevedono un costo complessivo di 750 mila euro, finanziati per 677 mila euro da un contributo europeo. L’intervento è stato suddiviso in sette lotti funzionali e prevede il collegamento all’interno dell’area ricreativa della scuola media della centrale a biomasse alla rete del gas metano, con l’installazione di due caldaie che andranno a sostituire quelle presenti nei nove plessi collegati.

Accanto ai lavori in centrale, sono iniziate le opere di posa delle tubazioni per il collegamento al municipio, alla biblioteca e agli spogliatoi dello stadio comunale. A fine intervento, saranno collegati dodici edifici per 1,5 km. di tubazioni di acqua calda. Con l’impianto a biomassa, nelle ultime due stagioni il comune ha avuto un risparmio di costi di riscaldamento pari al 30/35%, su una spesa media di 300 mila euro annui.

Con uno stanziamento di 300 mila euro, il Comune interverrà sugli ecocentri di San Pietro e di via dei Prati e sarà oggetto di una serie di lavori da parte del Consorzio Pedemontano Brenta. I lavori saranno distinti in diversi interventi lungo via Livelloni, con recupero storico del ponte, via Balbi, con ricarica della falda nel Bosco delle Prese, nelle vie S. Bonaventura e Rossini ed in altre rogge del paese.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button