Breaking News

Pfas, Isde: “Registro tumori analizza solo un anno”

“I dati relativi all”incidenza dei tumori negli abitanti delle aree del Veneto soggette a contaminazione da Pfas, presentati oggi a Padova dal Registro tumori Veneto (Rtv), saranno anche tranquillizzanti, ma sono riferiti ad un solo anno, il 2013″. E’ il punto di vista di un medico, raccolto oggi dall’agenzia di stampa Dire e rilanciato, facendo un po’ da contraltare, a quanto diffuso oggi dalla Regione del Veneto. Il medico è Vincenzo Cordiano, rappresentante regionale di Isde, l’Associazione dei medici per l’ambiente.

Cordiano, che non ha potuto partecipare alla presentazione dello studio e che per questo si riserva di commentarlo dopo averlo esaminato, spiega alla Dire “di aver già scambiato un carteggio con il responsabile di Rtv, Massimo Rugge”, e che da quello che ha potuto capire “se i dati fossero confermati anche in una estensione di tempo maggiore sarebbe una buona notizia”.

“Rimane però il fatto – sottolinea Cordiano – che un anno e troppo poco, e lo studio di Rtv non puo essere certificato dalla Associazione nazionale dei Registri tumori nè dallo Iarc (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) di Lione, che richiedono un’analisi di un arco di tempo pari ad almeno cinque anni”.  Secondo il medico “c’è poi la questione delle malattie cardiovascolari e ipertiroidee, che nelle aree interessate dalla contaminazione hanno un’incidenza maggiore alla media. Il che conferma quanto rilevato dall’Isde, nello studio che ha preso in considerazione i dati sulle cause di morte dagli anni 80 ad ora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *