domenica , 17 Ottobre 2021
“Onda fluo”, di Valerio Bevilacqua, ph. Casonato
“Onda fluo”, di Valerio Bevilacqua, ph. Casonato

“Settima onda” domani mattina a Marostica

Incontro aperto al pubblico, domani a Marostica, nell’ambito di “Riserve urbane”, percorso formativo che sta coinvolgendo quarantadue persone, per l’ideazione e la realizzazione di una mostra collettiva di arte pubblica sui temi del verde e della rigenerazione del paesaggio. L’appuntamento di domenica si intitola “Settima onda”, sarà un momento di approfondimento sull’arte relazionale e si terrà alle 10, nella chiesetta San Marco. Nel corso di questo incontro, Aurora Di Mauro illustrerà il suo progetto di appartamento relazionale a Padova.

“Settima Onda – come si legge in una nota di presentazione dell’evento – è infatti il nome di un appartamento privato che si trova all’ultimo piano di un palazzo tipico della piccola borghesia degli anni settanta, in una via periferica a sud di Padova. La sua proprietaria, dopo un profondo lavoro di ristrutturazione, lo ha aperto nel 2012, immaginando un appartamento relazionale in cui l’arte possa essere un elemento di aggregazione e di interazione, prima di tutto fra amici che condividono i suoi stessi interessi culturali”.

“La relazione – continua la nota – è un motore di cui si è persa consapevolezza e che invece potrebbe muovere una crescita culturale più democratica e dinamica, un’economia solidale orientata al benessere intellettuale e spirituale. Messo a disposizione gratuitamente come spazio ‘altro’ per incontri culturali, quali, mostre, spettacoli teatrali e musicali, degustazioni, conversazioni, presentazioni di libri, shooting di fotografia analogica, progetti relazionali sul cibo, l’appartamento è caratterizzato dalla presenza di opere site specific che conferiscono all’ambiente un’atmosfera particolare e, nello stesso tempo, contribuiscono alla sua vivibilità”.

Tra le opere ad oggi presenti ci sono il il pavimento in ceramica di Pino Castagna, la porta con l’onda fluo in marmorino veneziano di Valerio Bevilacqua, la finestra in plexiglas “Aurora nel tempo” di Francesco Candeloro, il neon “Lite Plote” di Arthur Duff, la decorazione in zucchero di Marco Chiurato, lo sgabello in plexiglas di Bluer. Prossime istallazioni, due opere di Michelangelo Penso e di Ernesto Romano.

“Pensare alla propria casa – ha spiegato la curatrice e proprietaria, Aurora Di Mauro – come la Settima onda tanto attesa dal galeotto Papillon, Henri Charrière, per fuggire dall’Isola del Diavolo, consente di percepire l’appartamento come uno spazio libero in cui le ‘regole’ che imprigionano la quotidianità restano fuori dalla porta per lasciarsi cullare dal movimento ondoso delle relazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità