mercoledì , 20 Ottobre 2021

Popolare di Vicenza, M5S: “I soci prima del Vicenza Calcio”

Dal Movimento Cinque Stelle di Vicenza, a firma del consigliere comunale Daniele Ferrarin, riceviamo e pubblichiamo.

*****

La lunga “telenovela” del Vicenza Calcio è terminata. Il passaggio di proprietà e stato definito alcuni giorni fa. E’ doveroso formulare agli acquirenti di Vi.Fin. gli auguri di buon lavoro e di successi sportivi, attesi dalla città e dai tifosi. E’ noto a tutti che il Vicenza Calcio non aveva le caratteristiche di una società “acquisibile” ma solo salvabile da un quasi sicuro fallimento. La valutazione di un euro ad azione è significativa. Riportare in equilibrio il bilancio societario è uno dei primi compiti della nuova dirigenza, compito non facile per il rilevante ammontare del debito.

Daniele Ferrarin
Daniele Ferrarin

Naturalmente il piano industriale di una società privata può prevedere, o potrà prevedere, obiettivi di risanamento collegati ad investimenti di vario tipo, compreso quello del fronte immobiliare. E’ da escludere, a parere del Movimento Cinque Stelle, che l’amministrazione comunale di Vicenza, proprietaria dello stadio, possa impegnarsi direttamente , anche in forme autorizzative, a modificare destinazioni d’uso, ampliamenti e quant’altro, nell’ attuale sede. Come in prospettiva è da escludere l’eventuale costruzione del nuovo stadio. La città sta già pagando a caro prezzo una gestione del territorio miope con caratteristiche speculative.

La riconferma di uno degli sponsor, la Banca Popolare di Vicenza, è stato il primo atto del nuovo assetto societario. Appare ridicolo che il “super stipendiato” amministratore delegato, Francesco Iorio, con tanta spregiudicatezza ed in una fase in cui la banca è a valore zero, riconfermi un pur esiguo impegno nel mondo del calcio professionistico. Certamente vanno sostenute le attività promozionali, sportive e sociali, ecc., ma prima vanno sostenute le migliaia e migliaia di soci della Banca Popolare di Vicenza che lui aveva illuso facendo credere che l’istituto bancario del territorio era in condizioni di affrontare quelle che lui definiva “nuove sfide”

La realtà e dura da dire, ma Francesco Iorio è l’esecutore materiale finale di una strategia “di impoverimento” che parte da lontano e che aveva come obbiettivo piccoli imprenditori, piccoli risparmiatori che hanno visto i loro risparmi riallocati in altre mani, e di questo sono stati vittime moltissimi tifosi del Vicenza.

Movimento 5 Stelle Vicenza
Daniele Ferrarin
Portavoce consigliere comunale Vicenza

Un commento

  1. Chiudono gli uffici esteri della Pop. Vicenza, tutti in attivo e unica strada dove pescare valuta fresca per sé e per i clienti, e poi finanziano il Vicenza Calcio. Siamo alla follia! Hanno ragione i sindacati, Iorio è Mr. Wolf.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità