venerdì , 17 Settembre 2021
Orazio Sciortino

Olimpico, una prima alle Settimane Musicali

Il Festival delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico snocciola una sorpresa dietro l’altra. Dopo il ricco fine settimana di musica e debutti, andrà in scena domani, martedì 7 giugno, nell’Odeo del teatro palladiano alle 21, una nuova première: “Dieci melodie facili” su liriche di Riccardo Held, per voce e pianoforte, un’opera di Fabio Vacchi, compositore contemporaneo tra i più apprezzati a livello internazionale, che presenzierà alla serata.

Accademico effettivo dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, dal suo debutto nel 1982 al Maggio Musicale Fiorentino con l’opera “Girotondo”, ha ottenuto numerosi riconoscimenti, collaborando con i più alti rappresentanti della vita culturale, quali Claudio Abbado e Ermanno Olmi, tra gli altri. Claudio Abbado gli commissiona la prima versione per grande orchestra di uno dei suoi lavori più celebri, “Dai calanchi di Sabbiuno” (1995), nato per organico da camera, e successivamente un ciclo di lieder “Briefe Büchners”, che viene eseguito per la prima volta alla Philarmionie di Berlino nel 1998.

Ottiene il premio Abbiati, dell’associazione nazionale critici musicali, per la migliore novità dell’anno con l’opera “Il letto della storia” (2003). Con “Terra comune” Luciano Berio sceglie di inaugurare l’Auditorium Parco della Musica di Roma nel 2002, mentre “Tre Veglie” (1998) gli viene commissionato dal Festival di Salisburgo. Sempre a Salisburgo, durante le celebrazioni mozartiane del 2006, ha luogo la prima assoluta de “La giusta armonia”, melologo per voce recitante e orchestra interpretato dai Wiener Philharmoniker con Riccardo Muti. Collabora anche con Ermanno Olmi, vincendo il David di Donatello per il miglior musicista con la colonna sonora del film “Il mestiere delle armi” nel 2002 e una nomination allo stesso premio con la colonna sonora del film “Centochiodi”, nel 2007.

Nella serata di martedì all’Odeo verrà offerta al pubblico un’inedita versione in musica della poesia di Held che vedrà protagonista Silvia Regazzo, mezzosoprano diplomata con lode al Conservatorio B. Marcello di Venezia e vincitrice nel 2001 del concorso internazionale “Toti dal Monte”, un’artista capace di muoversi sia nel repertorio operistico che in quello liederistico. Assieme a lei, al pianoforte Orazio Sciortino, pianista e compositore che collabora con importanti istituzioni musicali italiane ed estere, dal Teatro alla Scala di Milano a MiTo Settembremusica, dall’Orchestra Verdi all’Orchestra del Teatro La Fenice e via dicendo, nonché allievo dello stesso Vacchi.

A fare da pendant a queste composizioni sarà il ciclo liederistico che Robert Schumann scrisse nel 1840 dal titolo “Frauenliebe und –leben” (Amore e vita di donna), op. 42, e che rappresenta uno degli esiti più alti della tradizione ottocentesca del Lied. Otto brani ispirati ai poemi con cui Adelbert von Chamisso racconta le fasi dell’amore di una donna per il suo amato, dal primo incontro fino oltre la sua morte. Ingresso alla serata con biglietto da euro 10, da acquistare online, o alla biglietteria del Teatro Comunale Città di Vicenza (dal martedì al sabato dalle 15.00 alle 18.15; tel 0444 324442), o al botteghino del Teatro Olimpico (dal martedì alla domenica dalle 11.00 alle 13.30 e dalle 14.00 alle 16.00; tel. 0444 222801).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità