Economia

Nuovo presidente per Artigianfidi Vicenza

Passaggio del testimone al vertice di Artigianfidi Vicenza. Dopo la recente approvazione del bilancio 2015 , il consorzio fidi di Confartigianato cambia infatti il suo presidente, con Luigino Bari che ha passato le consegne a Mariano Miola. Il nuovo presidente avrà al suo fianco, come vice, Alida Brusamarello. 
”Il consiglio di amministrazione – sottolinea in una nota Artigianfidi – ha ringraziato Bari per il lungo e proficuo impegno profuso, confermando ancora una volta la volontà di proporre Artigianfidi Vicenza come forte e affidabile alleato delle imprese, accompagnandole lungo la strada dei timidi segnali di una ripresa che chiede, spesso inascoltata, credito al sistema bancario”.

da ricordare,a  questo proposito, che una recente indagine dell’ufficio studi di Confartigianato ha rilevato come, negli ultimi quattro anni, il credito per le micro e piccole imprese si sia ristretto a livello nazionale di ben 11 miliardi. 
“Tutto questo – ha commentato Miola – è avvenuto quando da più parti si rassicurava che le cose andavano bene e che il sistema bancario italiano era uno dei più solidi. Se fosse vero, tante imprese non avrebbero motivo di lamentarsi, del sistema banche, per il taglio degli affidamenti, o per la mancata concessione di nuova finanza. Il mondo del credito è diventato sempre più complicato e di questo si stanno rendendo conto tutti, ed anche Artigianfidi Vicenza, che da oltre 35 anni presta garanzie a favore dei propri soci verso le banche”.

“Nel suo storico e riconosciuto ruolo di interlocutore tra impresa e banca – prosegue il presidente – oggi, Artigianfidi Vicenza, all’interno di un sistema finanziario aggressivo, deve faticare non poco per tener fede ai propri valori, tra i quali la mutualità per prima, muovendosi in una giungla di regole che appesantiscono le nostre aziende, abituate a concentrare risorse ed energie sulle loro attività. Con la nostra garanzia, i soci ottengono più facilmente credito e a condizioni migliori. Accompagniamo i nostri soci in banca e traduciamo per loro in parole semplici i messaggi degli istituti, guidandoli poi per rispondere al meglio alle tante richieste che vengono loro rivolte”.

“Artigianfidi – conclude Miola – , insieme con le imprese, vuole  guardare avanti per favorire il consolidamento e l’ampliamento dei timidi segnali di ripresa. Per questo l’attenzione è rivolta anche verso nuove scelte strategiche, che prevedono l’individuazione di importanti attività complementari a quella classica del rilascio di garanzie, da attuare pure a livello regionale e in forma aggregata. In quest’ottica, nel corso dell’anno, intendiamo dare attuazione all’avviato processo di fusione con ApiVeneto Fidi, che porrà Artigianfidi tra i primi player nel panorama finanziario della garanzia”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button