Provinciavicenzareport

E’ morta la ragazza 16enne investita a Grancona

Ecco una di quelle notizie che non vorremmo mai dare. Non ce l’ha fatta purtroppo la ragazza di 16 anni che è stata investita, a Grancona, da un furgone, mentre era ferma sulla sua bicicletta a lato strada. Erica Sagona, questo il suo nome, è spirata nella serata di ieri, domenica 12 giugno, all’ospedale San Bortolo di Vicenza, dopo un’agonia durata due giorni.

A nulla è valso dunque il complesso interventro chirurgico tentato per cercare di ridurre il grosso ematoma cerebrale che aveva riportato nell’urto con il furgone. Il trauma, evidentemente, è stato troppo forte e devastante. E si aggiunge alla lista un’altra giovane vita spezzata, nell’assurdo tributo di sangue che diamo alla strada, in una società che è sempre in movimento, talvolta frenetico, molto spesso disattento.

Il caso è infatti emblematico, per come tutto è avvenuto. L’uomo alla guida del furgone, un compaesano della giovane vittima, Giorgio Canevarollo, di 52 anni, è riusltuato positivo all’alcoltest. Si è messo insomma alla guida con un tasso alcolico nel sangue di tre volte superiore al consentito. Del resto la ragazza è stata investita in un tratto rettilineo, mentre era ferma a lato della strada, intenta ad inviare un messaggino con lo smartphone. In altre parole non invadeva la carreggiata, si sentiva sicura, eppure è stata centrata dall’investitore e scaraventata sull’asfalto metri più il là, per un impatto devastante che le ha causato il trauma che l’ha uccisa.

La ragazza, ai soccorrotri, è parsa fin da subito in condizioni molto gravi, tanto che si è ritenuto necessario chiamare con la massima urgenza l’elisoccorsio da Padova. Da sottolineare inoltre che la famiglia, distrutta dal dolore, ha deciso di donare gli organi di Erika. Per l’investitore ora si profilano accuse pesanti, soprattutto per la recente entrata in vigore della legge sull’omicidio stradale. Rischia fino a 12 anni di carcere.

Articoli correlati

Un Commento

  1. In Russia ed altre parti del mondo gia’ da almeno 10 anni la gente ha la videocamerina in macchina che registra tutto cio’ che accade davanti.
    Costa solo 9 euro al momento, comincia a registrare appena la macchina parte e si spegne quando la macchina si ferma, ci stanno mesi di registrazioni. Su youtube ci sono migliaia di video contenenti vari incidenti.
    Parlandone, forse la gente comincerebbe ad usarle e qui sarebbe stata molto utile.
    CONSIDERATO CHE IN 5 MINUTI MI RITROVO A COMMENTARE LA STESSA COSA CON DUE FATALITA’ DELLA STRADA FATEMI DIRE CHE LE TELECAMERINE DOVREBBERO ESSERE OBBLIGATORIE SU OGNI AUTOMOBILE E MOTOCICLETTA!!
    DOVE STA IL MINISTRO DEI TRASPORTI?? E’ ORA DI ESSERE UN POCHINO PIU’ DINAMICI E MENO OTTUSI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button