Economia

Brexit, Zuccato: “Preoccupati, ma la scossa può servire”

“Preoccupati, ma può essere una scossa per cambiare in meglio l’Europa”.  In estrema sintesi è questo il pensiero degli industriali veneti riguardo all’esito del del referendum di ieri sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. E’ lo stesso presidente regionale di Confindustria, Roberto Zuccato, a pensarla così, senza comunque sottovalutare i rischi di quello che lo stesso premier britannico, James Cameron ha definito un salto nel buio.

Roberto Zuccato
Roberto Zuccato

“La Brexit – sottolinea il presidente di Confindustria Veneto – desta certamente preoccupazione per gli effetti immediati sui mercati finanziari, le possibili ricadute sui rapporti commerciali del Veneto con la Gran Bretagna, e soprattutto per il futuro dell’Europa. Allo stesso tempo, però, può e deve rappresentare una scossa proprio per cambiare in meglio e rendere più flessibili i trattati e le politiche europee. Perché siamo convinti che crescita e sviluppo non si garantiscono attraverso divisioni o mere politiche di austerità, ma bensì rimanendo uniti e investendo in un’Europa più vicina alle esigenze di cittadini e imprese”.

“La globalizzazione – continua Zuccato – è stata ed è una sfida difficile, ma non si potrà tornare indietro; le tecnologie digitali democratizzano le relazioni e rendono “tutto disponibile a tutti”. Nel mondo globale sono i sistemi che competono, per questo occorre più Europa, non meno Europa. Sarebbe fallace ed illusorio pensare di salvarsi tornando alle patrie, anche perché entro ogni nazione c’è la tentazione di creare patrie ed enclave sempre più piccole. La frammentazione non avrebbe fine”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button