Provinciavicenzareport

Atti vandalici a Thiene, il Comune scrive agli studenti

Negli ultimi tempi, a Thiene, si sono verificati diversi episodi di vandalismo e di maleducazione ai danni di edifici e altre strutture pubbliche. In seguito al lavoro della polizia locale Nordest vicentino (Nevi) e grazie al supporto delle immagini di videosorveglianza, si è potuto constatare che questi fatti sono stati compiuti da studenti minorenni delle superiori. Ed è per questo che l’amministrazione comunale ha pensato di inviare agli istituti scolastici del territorio una lettera aperta, indirizzata proprio agli allievi.

“La lettera – ha precisato l’assessore alla cultura, politiche giovanili e pubblica istruzione, Maria Gabriella Strinati – , che abbiamo pensato di inviare, in accordo con l’assessorato alla sicurezza e al comando di polizia locale Nevi, è un invito volto a sensibilizzare i giovani alla tutela del bene comune”.

“Non vogliamo certo – ha poi sottolineato il sindaco di Thiene, Giovanni Casarotto – generalizzare e stigmatizzare tutti i giovani a causa del comportamento incivile di pochi, ma abbiamo pensato che fosse opportuno richiamare l’attenzione dei ragazzi sulle regole del vivere civile. Contiamo, in particolare, sulla capacità dei nostri studenti di aiutare i compagni che manifestano insofferenza ad indirizzare le loro energie nelle iniziative creative e costruttive che il Comune propone, ad esempio con il Progetto giovani Thiene”.

“Gli autori – si legge nella lettera –  sono studenti delle scuole superiori di Thiene, in poche parole sono vostri compagni, che dovranno subire le conseguenze delle loro azioni. Vale a dire una denuncia penale per il danneggiamento di cosa pubblica, una sanzione amministrativa ed un risarcimento in denaro per il ripristino e la pulizia dei luoghi oggetto di vandalismo. Tra multa e risarcimento l’importo può superare il migliaio di euro. La polizia locale ha lavorato con prontezza e sollecitudine individuando subito i colpevoli: pertanto, per non incorrere nelle conseguenze appena descritte, vi consigliamo di evitare di correre questi rischi. Vi invitiamo a ricordare che il bene pubblico è di tutti, che una città pulita e ordinata è un luogo migliore dove vivere, studiare, lavorare e divertirsi, e che il rispetto delle regole da parte di ciascuno è alla base della convivenza civile”.

“Sappiamo – continua la missiva – che esiste l’esigenza di spazi per esprimere la vostra creatività e per trascorrere insieme il tempo libero, siamo consapevoli che non sempre esistono luoghi e occasioni di ritrovo e svago, ma questo non deve causare atti impropri contro i beni della città. Vi segnaliamo che in città ci sono gruppi e associazioni giovanili e che sono stati promossi progetti per stimolare le proposte dei giovani con iniziative di successo, come il Progetto giovani Thiene, al quale potete fare riferimento recandovi all’Urban Center”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button