Arcugnano, procedono i lavori al Lago di Fimon

Lavori in corso al lago di Fimon. Sono infatti iniziati gli interventi di salvaguardia e di valorizzazione di questo specchio d’acqua tra le frazioni di Pianezze e di Lapio, predisposti dalla Provincia di Vicenza e dal Comune di Arcugnano, con la collaborazione del Consorzio alta pianura veneta. Il progetto prevede di agire in due direzioni: contenimento della biomassa, ossia lo sfalcio delle piante acquatiche invasive, e sistemazione delle infrastrutture collegate al lago, come il percorso pedonale, l’imbarcadero, la mezzaluna, il parcheggio. Le opere, del costo di 250mila euro, ottenuti attraverso un bando regionale sono illustrate in dettaglio a questa pagina.

Sono già cominciati i lavori per la sistemazione e l’ampliamento del parcheggio a nord, così come la pulizia dell’area ex imbarcadero, dove la folta vegetazione nascondeva una vera e propria discarica a cielo aperto. Ora l’area è stata ripulita e, conclusi gli interventi, sarà pronta per offrire un luogo di relax ai visitatori. A breve partiranno invece i lavori lungo il percorso che costeggia il lago. Questo sarà completato e sistemato. Verrà inoltre sistemata la casetta eco-Fimon, riaperto il tunnel per gli anfibi, rialzata la mezzaluna per scongiurare allagamenti, attrezzata un’area pic-nic.

“Si tratta – ha sottolineato il consigliere provinciale delegato alle risorse idriche, Renzo Segato – di interventi necessari alla fruizione del lago da parte dei vicentini, che devono però essere realizzati nel rispetto di un’area che, per le sue caratteristiche ambientali, è inserita tra i Siti di interesse comunitario, zona protetta perché rappresenta un habitat unico per tante specie di animali e vegetali. Proprio per questo motivo, la Provincia monitora in maniera costante i lavori in corso”.

“E’ il terzo tempo – ha spiegato il sindaco di Arcugnano, Paolo Pellizzari – di un progetto iniziato nel 2000, quando sono state realizzate la casetta eco-fimon, il percorso e il parcheggio. Oggi ristrutturiamo e completiamo le opere, per offrire ai fruitori del lago la possibilità di godere in sicurezza di uno degli angoli più suggestivi del nostro territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità