Senza categoria

Arcugnano, piccoli grandi fotografi crescono

Successo e partecipazione per la mostra fotografica dei lavori realizzati dai 69 bambini della scuola primaria di Lapio di Arcugnano, un progetto di arte visiva che ha coinvolto tutte le sezioni della scuola. L’evento è stato realizzato grazie al Comitato genitori, che ha caldeggiato l’iniziativa, al team dei docenti, sempre disponibile a valutare nuovi progetti, e alla disponibilità del Comune di Arcugnano, che ha messo a disposizione dell’organizzazione la sala mostra per realizzare una vera mostra fotografica.

Per le classi prime il tema è stato il ritratto fotografico, con l’obiettivo di incrementare la conoscenza del proprio corpo attraverso le caratteristiche della personalità di ogni bambino della propria storia del proprio vissuto, sollecitando i bimbi a cercare il bello a pensare positivo, rapportandosi con lo spazio e con i compagni. Nell’ambito di questa tematica si è riflettuto anche sulla lotta al bullismo, un grave problema che va affrontato sul nascere, sollecitando i bimbi a confrontarsi con se stessi e con gli altri e ad essere consapevoli del valore delle diversità.

Per le classi seconde della scuola è stato proposto il tema delle lezioni di geometria. Nella bellezza della natura e negli oggetti, come un semplice segnale stradale, si è insegnato a cogliere le varie forme, a cominciare da quelle più perfette e regolari. I bambini hanno così dimostrato che saper osservare non è semplicemente guardare. Per la classe terza si sono colti i vari aspetti del paesaggio, trovando il bello nella natura che ci circonda e fotografando pensieri ed emozioni.

Per le classi più grandi, infine, il tema proposto è stato quello della chiesa di Lapio. L’obiettivo era quello di vedere e osservare, con la consapevolezza che osservare è la prima regola di ogni fotografo. L’osservazione permette di vedere con la mente prima che con gli occhi, e solo successivamente elaborare il soggetto che stiamo rappresentando internamente e su cui proiettiamo le nostre paure i nostri piaceri e anche le soluzioni future.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button