Provinciavicenzareport

2 giugno, la Festa della Repubblica in provincia

Domani, 2 giugno, ricorre la Festa della Repubblica Italiana. Una giornata durante la quale si commemora quel referendum del 1946, con il quale gli italiani andarono alle urne per scegliere, tra monarchia e repubblica, la futura forma di governo dello Stato ed anche per eleggere i rappresentanti dell’assemblea costituente, incaricati di dar vita alla Costituzione. Questo referendum istituzionale si ricorda anche perché, per la prima volta, si svolse a suffragio universale. Votarono cioè anche le donne.

Sono svariate, in provincia, le iniziative per festeggiare questo compleanno speciale, i 70 anni della nostra Repubblica. A Marano Vicentino, ad esempio, in tutte le finestre del Comune domani sarà appesa la bandiera dell’Italia e all’ingresso del municipio ci sarà un manifesto per spiegare l’importanza di questa data storica, senza dimenticare il primo voto di tutte le donne. “La nostra gioventù – racconta una maranese che nel 1946 aveva 22 anni – era stata bruciata dalla guerra e c’era molta stanchezza. Per questo sentivamo il bisogno di un rinnovamento, di un impegno politico e sociale per costruire un tempo migliore. Eravamo spinte dal desiderio di cambiare, anche andando contro l’educazione che avevamo ricevuto. Eravamo un po’ impreparate davanti al nostro primo voto, c’era confusione, ma molte donne di Marano parteciparono attivamente, alle discussioni e al voto stesso, mettendosi in gioco in prima persona”.

A Schio invece la giornata si aprirà con il corteo che partirà alle 12 dal cortile di Palazzo Fogazzaro. Seguirà l’alzabandiera, alla presenza della autorità militari e civili. Accompagneranno l’evento il complesso strumentale Città di Schio e il coro Monte Pasubio. Thiene, come anche Valdagno, accogliendo l’invito del Prefetto di Vicenza, Eugenio Soldà, alle celebrazioni del capoluogo berico ha organizzato solo l’alzabandiera ufficiale, in piazza Ferrarin alle 9.15, in previsione del successivo trasferimento in piazza dei Signori.

Marostica ha scelto la Festa della Repubblica per il taglio del nastro dei lavori di ristrutturazione del Comando stazione dei carabinieri di via Roma. “Abbiamo fissato – ha spiegato il sindaco Marica Dalla Valle – l’inaugurazione per questo importante giorno, così da riconoscere il fondamentale operato dell’Arma dei Carabinieri per il nostro territorio, non solo in materia di sicurezza”. Nell’occasione verra anche scoperta una targa a ricordo del Bicentenario della fondazione dell’Arma. Il programma prevede il raduno, alle 16.30, davanti al Monumento al bersagliere, nel Parco 25 aprile, con alzabandiera e deposizione della corona d’alloro. Alle 17, poi, il corteo partirà alla volta del Comando di via Roma, dove ci saranno la cerimonia e il taglio del nastro. A seguire, in piazza Castello, ci saranno l’alzabandiera e la deposizione della corona di alloro al Monumento ai Caduti. Seguiranno, in sala consiliare al Castello Inferiore, il saluto del sindaco e delle autorità, con l’orazione ufficiale di Francesco Binotto, presidente dell’associazione Volontari della libertà di Vicenza. La cerimonia sarà accompagnata dalla Filarmonica di Crosara Marostica.

Per finire, da domani e fino al 5 giugno, Montecchio Maggiore sarà la capitale degli Alpini ed sono in programma diversi eventi che coniugano il 50esimo anniversario della fondazione del gruppo di Alte Ceccato, il quarto raduno nazionale dei cori delle Brigate alpine, il secondo convegno nazionale Ana sulla coralità alpina, l’adunata interzonale delle zone Colli Vicentini e Val Chiampo, senza dimenticare la Festa della Repubblica. Domani le celebrazioni si apriranno alle 10, in piazza San Paolo ad Alte con l’alzabandiera. La cerimonia solenne per la Festa della Repubblica è prevista alle 17, sempre in Piazza San Paolo, alla presenza del Prefetto di Vicenza e delle autorità regionali e provinciali. Alle 21 ancora la piazza ospiterà il concerto del corpo bandistico Pietro Ceccato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button