Breaking News
Nando Pagnoncelli, sondaggista e amministratore delegato di Ipsos Italia
Nando Pagnoncelli, sondaggista e amministratore delegato di Ipsos Italia

Vicenza alla ribalta… Arriva Pagnoncelli!

Le luci della ribalta si accendono sulla nostra città! Sul progetto della Tav, avremo nientemeno che un astro dei sondaggi a sancire “quello che il sindaco vuole”: Nando Pagnoncelli! La scelta non è stata casuale, perchè solo lui è in grado di “far dichiarare” ai vicentini quello che vuole l’amministrazione comunale: le due stazioncine al loro posto e del colore voluto dal sindaco. Poco importa se il costo dell’opera è notevolmente lievitato (e continua a lievitare) a 80 – 90 milioni di euro al chilometro (contro una media europea di 10 – 20 milioni di euro al chilometro), non importa se il treno che ne deriverà viaggerà ai 130 – 150 all’ora (alta velocita?) ed attraverserà un territorio cittadino devastato da abbattimenti, viadotti e diviso in due (alla faccia della ricucitura della città) da un “nuovo muro di Berlino” (barriere anti-rumore).

L’importante è che risulti dal sondaggio che, in barba alla democrazia che avrebbe previsto un’adeguata informazione sullo studio, tutti i cittadini approvino, senza se e senza ma, lo studio imposto dall’amministrazione. Non importa se il “sondaggio” non contempla delle soluzioni alternative, meno impattanti e costose; non importa se non sono state valutate e rese note le spese di soluzioni alternative (quali “opzione zero” che non vuol assolutamente dire fare nulla, ma valutare soluzioni che possono risolvere il problema del traffico ferroviario in maniera più “soft”).

Ripetiamo che è anti democratico richiedere una valutazione su un unico tracciato già deciso contro la volontà popolare o quantomeno imponendolo senza alternative. Se la consultazione è organizzata in maniera democratica deve dare anche, tra le possibili alternative di risposta, quella che segue: “non approvo né l’iter percorso nel giungere a tale studio di fattibilità né lo studio stesso“. Ma penso che questo sia purtroppo un sogno!

Alessandro Fracasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *