Breaking News

Valli del Pasubio, ricordati i caduti della Grande Guerra

Si è tenuta questa mattina, al Sacrario del Pasubio, a Valli del Pasubio, la cerimonia di commemorazione in onore ai caduti della Grande Guerra, organizzata dal secondo reggimento genio guastatori alpini di Trento. L’evento fa parte della rassegna “L’esercito combatte”, un’iniziativa organizzata dallo Stato maggiore dell’esercito in tutto il territorio nazionale e rivolta al centenario del Primo Conflitto Mondiale. Questa manifestazione ha coinvolto, in contemporanea, numerosi sacrari e cimiteri del Nord Est, che sono stati visitati da studenti di varie Regioni.

Tornando alla cerimonia, questa è iniziata con la deposizione di una corona d’alloro alla memoria di chi un secolo fa si è immolato per la patria, è poi proseguita con gli interventi delle autorità, tra i quali il Colonnello Luigi Musti, comandante del secondo reggimento genio guastatori alpini di Trento, che ha salutato gli ospiti ed ha rivolto un pensiero alla giornata del 24 maggio. Alle note storiche della zona, trattate dal vicepresidente della fondazione 3 novembre 1918, un’associazione che cura il Sacrario ed il Museo della prima armata, sono seguite le parole del sindaco di Valli, Armando Cunegato, e del rappresentante della locale sezione dell’Associazione nazionale alpini, Ana.

Una santa messa in suffragio dei caduti del conflitto è stata poi celebrata da Monsignor Marangoni assieme al cappellano del secondo reggimento genio e al docente sacerdote accompagnatore degli studenti, provenienti dal collegio San Luigi di Bologna. Ragazzi che hanno anche avuto modo di visitare il Museo nazionale degli alpini e di incontrare la sezione provinciale dell’Ana di Trento, assistendo all’esibizione del coro alpino.

Con il saluto delle autorità, la delegazione di studenti e di militari della Brigata aeromobile Friuli ha poi ripreso il proprio viaggio verso Padova, dove in serata si è incontrata con le delegazioni confluite dagli altri Sacrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *