Natalino Balasso - Foto di Massimo Battista
Natalino Balasso - Foto di Massimo Battista

Tutto esaurito per Balasso al Comunale di Vicenza

A chiudere la sezione “Altro Teatro” del Comunale di Vicenza ci pensa, martedì prossimo, 17 maggio alle 20.45, Natalino Balasso con il suo one man show “Stand Up Balasso”. “Altro Teatro” è stata una felice intuizione che ha permesso di portare nuovi spettacoli di prosa nella stagione primaverile della Fondazione teatro Comunale città di Vicenza, con l’obiettivo di avvicinare un nuovo tipo di pubblico.

Protagonista di questo spettacolo sono il talento dirompente e la comicità esilarante di Natalino Balasso. Reduce dello straordinario successo che la nuova commedia corale “La cativissima – Epopea di Toni Sartana” ha riscosso sui palcoscenici di tutto il Veneto e fresco interprete del testo teatrale scritto per lui da Alessandro Baricco “Smith & Wesson”,  debuttato al Teatro Goldoni di Venezia il 4 maggio scorso, Natalino Balasso calca per la prima volta le scene del Comunale con “Stand Up Balasso”, il suo spettacolo più amato, sintesi degli ultimi dieci anni di una comicità popolare ma mai banale, in grado di raccontare la realtà interpretandola, a modo suo, in una serata in cui il divertimento è assicurato.

Il monologo “Stand Up Balasso”, scritto e interpretato dallo stesso attore rodigino, non annoia. In scena: lui, in piedi (stand up), un microfono vintage, la luce fissa di un occhio di bue. Questi tre elementi sono infatti gli “strumenti” base della stand up comedy, un genere americano anni ’70 con cui molti celebri comici si sono fatti le ossa (due su tutti, Woody Allen e Eddie Murphy). E così anche Natalino Balasso affronta il pubblico a viso aperto, dal vivo, mettendo insieme sketch, monologhi, tirate comiche degli ultimi anni sui palcoscenici di tutta Italia.

In “Stand Up Balasso” non c’è una storia unica, solo tanta comicità, giochi di parole e ragionamenti surreali, un concentrato di ironia senza fronzoli, una carrellata di battute, monologhi tragicomici, modi di dire, ragionamenti sul filo dell’assurdo, riflessioni indignate contro il mondo e l’interpretazione dei difetti che appartengono a tutti. La performance, che raccoglie tutti gli espedienti dell’arte della commedia, si trasforma in un’antologia comica durante la quale l’attore gioca con i diversi registri linguistici e tutte le varianti della risata: da quella sottile nata dai doppi sensi e dai giochi di parole, a quella più amara che sottolinea le miserie e i difetti umani, fino a quella di pancia, per cui si ride fino alle lacrime.

Trascinante ed esilarante, raffinato e popolaresco, Balasso con questo spettacolo cattura l’immaginazione del pubblico in modo originalissimo, mescolando alto e basso, giocando con tutti i registri della narrazione comica. Il tutto nella sua “lingua”, il lessico a volte sgrammaticato, ma sempre poetico, perfetto per raccontare le storie di tutti i giorni. Per lo spettacolo di Balasso di martedì 17 maggio al Comunale di Vicenza i biglietti sono esauriti, disponibili solo in caso di rinuncia dei possessori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità