sabato , 16 Ottobre 2021

Thiene, nuova vita ai Giardini del Bosco

Giornata di grande festa, ieri, a Thiene per l’inaugurazione dei Giardini del Bosco. Questo grande polmone verde è stato infatti riaperto sabato, dopo una chiusura di tre mesi, dovuta ad un importante intervento di riqualificazione, mirato a cancellare i segni del tempo, all’insegna di un miglioramento estetico e di una maggiore accessibilità, fruibilità e sicurezza.

Gli interventi eseguiti, che hanno riportato a nuova vita il parco thienese sono diversi. Dalla ridefinizione dei percorsi pedonali realizzati in materiale drenante, più visibili, colorati e facilmente percorribili anche da passeggini e sedie a rotelle, fino alla pista ciclabile che ora costeggia l’intero perimetro del parco, passando per l’installazione di nuovi giochi e di alcune giorstrine adatte anche a bambini con disabilità.

Ancora, l’illuminazione è stata rinnovata, la pista di pattinaggio, riasfaltata, adesso presenta un look accattivante e curato. Nel cuore del parco, nel punto in cui convergono tutti i percorsi pedonali, è stato posizionato un gazebo realizzato con rami di salice intrecciati. La struttura è stata pensata come un luogo dove organizzare piccole manifestazioni di musica, giochi, spettacoli teatrali o di burattini, recite di poesie, presentazione di libri.

Tra le novità più particolari ci sono la nuova teleferica, il grande drago e la casetta sull’albero, accessibile, in entrata con una scaletta e in uscita, attraverso uno scivolo, parzialmente protetto da una rete. All’interno della casetta hanno trovato posto alcune sedute ed un tavolino. Le finestre sono protette da una rete di corda, per rendhere più sicura la struttura e per conferirle naturalezza.

“Questa importante e frequentata area verde nel cuore della città – ha precisato il sindaco di Thiene, Giovanni Casarotto – è stata sistemata e resa accessibile a tutti, dai bambini agli anziani, ma non solo. L’area è stata anche resa più sicura, grazie all’installazione di quattro nuove telecamere di ultima generazione, collegate in fibra ottica alle centrali di polizia locale e dell’ arma dei carabinieri. Ora chiediamo a tutti i frequentatori di avere cura di questa zona verde, perché appartiene a tutti noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità