Breaking News
La spiaggia di Eraclea - Foto di Alberto Vigani (CC BY-SA 3.0,)
La spiaggia di Eraclea - Foto di Alberto Vigani (CC BY-SA 3.0,)

Stagione balneare al via. Mare e laghi in buona salute

Parte sotto buoni auspici la stagione balneare del Veneto, grazie al fatto che le acque sono pulite. Dal 9 al 12 maggio è stata condotta infatti la prima campagna di monitoraggio delle acque di balneazione e, sulla base dei risultati delle analisi effettuate da Arpav, è stata confermata la piena conformità ai requisiti di qualità previsti dalla normativa per tutte le acque di balneazione della regione: mare e laghi. Lo ha reso noto l’assessore regionale alle politiche ambientali, Gianpaolo Bottacin, che ha illustrato oggi, insieme al commissario straordinario dell’Arpav, gli esiti della campagna.

L’assessore ha fatto presente che il monitoraggio proseguirà per tutta la durata della stagione balneare, con controlli mensili realizzati in collaborazione con la direzione marittima di Venezia (Guardia Costiera), e solo in caso di valori anomali il campionamento verrà ripetuto per verificare la persistenza o meno del fenomeno inquinante, identificare le eventuali cause e intraprendere manovre correttive. Un elemento non trascurabile per un settore come quello turistico in cui il Veneto è la prima regione d’Italia.

“L’attenzione della Regione per la qualità delle acque – ha detto Bottacin – è massima e riguarda comunque anche altri aspetti, qualitativi e quantitativi, come ad esempio i ripascimenti delle spiagge o la regimazione delle acque. Per la difesa idraulica, la pianificazione regionale ha previsto interventi per tre miliardi di euro. Tuttavia, il rischio zero in questa materia non esiste e il nostro obiettivo è comunque di ridurlo al minimo”.

Il commissario dell’Arpav ha invece evidenziato che nel 2016 i controlli di legge vengono effettuati su 174 acque di balneazione (95 sul mare Adriatico, 65 sul lago di Garda, 4 sul lago di Santa Croce, 1 sul lago del Mis, 4 sul lago di Centro Cadore, 2 sul lago di Lago, 2 sul lago di Santa Maria e uno sullo specchio nautico di Albarella) con cadenza almeno mensile fino a settembre. Praticamente tutti i 1046 campioni analizzati a maggio sono risultati favorevoli alla balneazione. da segnalare infine che è stata presentata anche la pubblicazione “I relitti del golfo di Venezia”, realizzata nell’ambito delle attività per la tutela, la promozione e lo sviluppo della zona costiera veneta, con preziose informazioni su circa 40 siti sui fondali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *