Breaking News
Lavoratori bambini nelle fabbriche degli Stati Uniti, agli inizi del '900
Lavoratori bambini nelle fabbriche degli Stati Uniti, agli inizi del '900

Primo Maggio, la riflessione del Movimento 5 Stelle

Dal Movimento 5 Stelle di Vicenza riceviamo e pubblichiamo una riflessione sui significati del Primo maggio, Festa del lavoro

*****

Per il Movimento 5 Stelle il Primo maggio deve essere un’occasione per una riflessione sulle condizioni del mondo del lavoro. Il sistema economico mondiale, negli ultimi dieci anni, ha mostrato la sua incapacità di garantire un modello di sviluppo capace di assicurare a tutti lavoro, benessere, e nel contempo, rispetto per l’ ambiente. I processi di globalizzazione della produzione e dei mercati, il consolidarsi nello scenario mondiale delle così dette economie “emergenti”, l’affermarsi di economie miste, comunismo e capitalismo, hanno determinato gravi difficoltà occupazionali nel mondo del lavoro occidentale.

Daniele Ferrarin
Daniele Ferrarin

Il sistema capitalista non ha mancato, anche nel nostro Paese, di approfittare della situazione per rideterminare il suo rapporto con le entità produttive: lavoratori , artigiani, piccola e media impresa. I diritti dei lavoratori, e i margini operativi di artigiani e piccole imprese, sono stati i primi obbiettivi da colpire per il capitalismo globalizzato, il tutto a carico dei soggetti più deboli della catena produttiva.

L’ affermarsi, inoltre, dell‘economia “virtuale” dove la speculazione rappresenta un metodo di “lavoro quotidiano” ha reso ancor più difficile la situazione. Il M5S, nel sostenere i diritti dei lavoratori, non può non affermare che i sindacati storici hanno esaurito la loro funzione di difesa del lavoro, tant’è che nessuno sciopero generale è stato proclamato negli ultimi tempi, nonostante il governo Renzi si caratterizzi per la sua adesione al “liberismo” più sfrenato, distinguendosi per la demolizione delle tutele previste dallo statuto dei lavoratori e dell’articolo 18 in primis.

Il sistema bancario risponde solo a logiche di mercato privilegiando la grande impresa e penalizzando le unità produttive. La discussione per una “decrescita” del modello di sviluppo attuale deve essere affrontata con una nuova progettualità. La difesa dell’ambiente, la riduzione dell’orario di lavoro, l’uso di energie rinnovabili, la centralità della persona umana con i suoi bisogni, sono elementi indispensabili per un lavoro a misura d’ uomo.

Daniele Ferrarin – Portavoce consigliere comunale Movimento 5 Stelle Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *