Breaking News

Pfas, Ginato a Mondardo: “Polemiche sterili”

Botta e risposta a distanza, in merito al problema dei Pfas, tra Antonio Mondardo, nella sua veste di presidente del consorzio Arica, di Arzignano, che gestisce il ciclo delle acque reflue nell’ovest vicentino, e il deputato Pd Federico Ginato. Ieri, in un’altra pagina del giornale, abbiamo pubblicato le parole di Mondardo ed oggi è arrivata la replica di Ginato, che, nel ribadire il suo impegno, rilancia l’invito alla collaborazione tra gli enti.

“Lasciano di stucco – ha spiegato Ginato – le accuse lanciate da Antonio Mondardo, in qualità di presidente di Arica o di segretario provinciale della Lega Nord. L’invito che gli faccio è quello di spogliarsi delle casacche politiche perché, al di là delle battute, non è proprio il tempo delle sterili polemiche, né di giocare allo scaricabarile come purtroppo la Regione sta cercando di fare con il Governo che, con il sottosegretario Degani, ha semplicemente risposto”.

“Se Mondardo e la Lega – ha poi continuato – si sono sentiti offesi dispiace, ma, detto questo, abbiamo tutti un obiettivo comune, che è dare risposte ai cittadini e al territorio, ognuno per quanto di competenza. Senza polemica quindi, gli ricordo che l’interrogazione presentata alla Camera nell’autunno 2013, poco dopo la mia elezione e poco dopo che l’allarme era stata lanciato, porta la mia firma. E gli ricordo che in questi anni ho incontrato rappresentanti dei gestori, sul cui operato non ho mai avuto nulla da ridire, e i sindaci, ad esempio quelli dell’Area Berica, l’ultima volta solo venerdì scorso”.

“Gli ricordo ancora – ha concluso – che è stata mia la richiesta per interessare al tema la Commissione d’inchiesta parlamentare sugli ecoreati. Ritengo però davvero poco utile metterci a fare l’elenco delle cose fatte, perché oggi più che mai sono importanti le cose da fare. Per cui se Mondardo vuole un confronto, sono più che disponibile, purché lo si faccia non con la casacca politica, ma con la responsabilità di chi vuole trovare soluzioni a questo disastro ambientale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *