Breaking News

Nuovo affondo del M5S sulla concessione A4

“Il ministro delle infrastrutture fa sapere che l’intesa tra la Regione Veneto, Provincia autonoma di Trento e il governo centrale verrà presto ratificata dal Cipe, e questo consentirà di ottenere da Bruxelles il via libera per la proroga della concessione dell’autostrada Brescia-Padova, fino al 2026. La A4 Holding che controlla la Brescia-Padova verrà quindi acquistata dalla società spagnola Abertis, che subentrerà anche nei relativi obblighi di investimento. La vendita dovrebbe concludersi a giorni. Il governo è andato quindi avanti con la sua decisione scellerata di regalare miliardi di euro di patrimonio pubblico ai privati”.

Enrico Cappelletti
Enrico Cappelletti

E’ quanto scrive in una nota Enrico Cappelletti, senatore vicentino del Movimento 5 Stelle, che ritorna dunque su un argomento che aveva già affrontato in passato e sul quale il movimento ha presentato due mesi fa anche una interrogazione parlamentare ai ministri Delrio e Padoan che “é rimasta senza risposta – sottolinea il senatore -, per evitare comprensibili imbarazzi, come peraltro gli esposti alla Corte dei Conti e all’Autorità nazionale anticorruzione non hanno, allo stato, contribuito a far desistere il governo dal suo intento”.

“Un governo che opera nell’interesse dei cittadini – aggiunge Cappelletti -, avrebbe dovuto fare una gara pubblica e dare la concessione dell’autostrada Brescia-Padova al miglior offerente. Un governo come questo, che invece opera nell’interesse di soggetti privati evidentemente ben inseriti, rinnova la concessione di una delle più importanti infrastrutture pubbliche gratuitamente e senza gara. Perché la gara avrebbe precluso la possibilità di specularci sopra. Il finale é prevedibile: la finanza pubblica viene spolpata. I pedaggi per i cittadini che dovranno prendere l’autostrada continueranno ad essere elevatissimi, e al danno si aggiungerà la beffa di non avere alcun vantaggio per le finanze pubbliche”.

“In un momento di così grave crisi economica per il nostro paese – conclude poi Cappelletti -, regalare ai privati oltre un miliardo di euro è una vergogna che grida vendetta. Tanto più che questa decisione proviene da un partito di maggioranza relativa, il Partito Democratico, che ha superato in questi giorni il numero di cento indagati, per reati spesso connessi alla corruzione. E pensare che questi sono gli stessi soggetti che stanno mettendo le mani sulla Costituzione della Repubblica Italiana”.

Ed a proposito della riforma costituzionale, per la quale saremo chiamati alla ratifica referendaria in ottobre, il senatore del Movimento 5 Stelle ci segnala  che a Vicenza, venerdì 6 maggio, alle 21, presso la Circoscrizione 6, in via Thaon di Revel 44, si terrà un incontro su quella che definisce “la riforma costituzionale più inutile e dannosa della storia della Repubblica”. sarà lo stesso Cappelletti a “smantellare – dice – una a una tutte le bugie proclamate da Renzi, Boschi e Verdini sulla riforma”.

“Parleremo anche – continua – di tutte le modifiche alla Costituzione veramente necessarie per il nostro Paese e per questo motivo ignorate dalla maggioranza. La Costituzione è come l’aria che respiriamo. Ci si a ccorge della sua mancanza solo quando ormai è troppo tardi. Un cittadino informato e cosapevole non potrebbe mai votare una riforma che riduce lo spazio di democrazia e libertà nel nostro Paese. per questo è importante informarsi, per salvare la Repubblica nata 70 anni fa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *