Senza categoria

La Polizia di Stato festeggia 164 anni di storia

La Polizia di Stato ha festeggiato oggi il suo 164esimo anniversario e lo ha fatto in modo sobrio, ricordando l’importanza del suo ruolo per la cittadinanza. Stiamo vivendo un periodo di crisi e la paura aumenta nella gente che si sente sempre più insicura, ma va sottolineato che la Polizia di Stato c’è sempre. I delitti più presenti a Vicenza e provincia sono quelli che riguardano la violenza e quelli predatori, ritenuti di maggiore allarme sociale per la comunità, insieme a furti, rapine, spaccio di stupefacenti, truffe informatiche, sfruttamento della prostituzione ed estorsioni.

Dati alla mano, si può dire che la situazione generale è in lieve miglioramento rispetto all’anno scorso. In leggero aumento sono invece i reati di violenza sessuale (28 i casi nell’ultimo anno), mentre gli omicidi stradali si mantengono sugli stessi livelli. I furti risultano diminuiti del 12 per cento, aumentano però le rapine.

“Nel corso di questo ultimo anno – ha sottolineato il questore di Vicenza, Gaetano Giampietro, – la Polizia di Stato ha arrestato 130 persone e ne ha denunciate 945. Importante in ruolo che svolge ogni singolo ufficio dalla Digos che vigilia su ordine pubblico, manifestazioni sportive e terrorismo, alla Squadra Mobile che ha sgominato bande criminali, passando per le Volanti. Senza dimenticare la Polizia ferroviaria, la stradale, la postale e il servizio scorte. Le chiamate che arrivano alla sala operativa della Questura sono, in media, 135 al giorno, segno che i cittadini si sentono vicini alla Polizia di Stato e mostrano di avere fiducia nel momento di pericolo e di bisogno”.

Anche il sindaco di Vicenza, Achille Variati, è voluto intervenire oggi con una dichiarazione di apprezzamento e  gratitudine per il lavoro che la polizia svolge sul territorio. “Ringrazio – ha detto Variati – il questore e gli agenti della Polizia di Stato di Vicenza per il lavoro che prestano giorno e notte in tutta la provincia e per i risultati investigativi raggiunti lo scorso anno. Ringrazio, inoltre, le famiglie che sostengono i propri cari impegnati giorno per giorno in un lavoro a rischio ed infine i sindacati per ciò che fanno a sostegno dei lavoratori. E’ auspicabile che il nuovo capo della Polizia, Franco Gabrielli, che ha già avuto modo di conoscere la nostra città in occasione del bomba day del 25 aprile 2014, visiti di persona molte parti del territorio italiano per vedere da vicino le varie realtà del nostro Paese, e che nella lista delle sue mete includa anche Vicenza dove, se vi fosse l’occasione, gli spiegherei quanto si sta facendo per la sicurezza nel nostro territorio e quanto si potrebbe fare in futuro”.

Monica Zoppelletto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button