Breaking News

Brendola, nuova variante al Piano degli interventi

Il Comune di Brendola ha approvato una variante del Piano degli interventi, in vigore dal marzo 2014, che porterà nelle casse comunali, oneri di urbanizzazione per circa 700 mila euro. La variante riguarda la riqualificazione di tre aree comunali, localizzate la prima in via Natta, per la quale è previsto il passaggio da area verde ad area uso industriale, e le altre in via Dante (da uso agricolo a residenziale) e in via Santa Bertilla (da uso agricolo a residenziale). La variante è rimasta a disposizione dei cittadini per i canonici 60 giorni durante i quali si potevano presentare osservazioni. E ne sono arrivate quasi una ventina.

“Delle diciannove richieste di revisione pervenute – spiega una nota del Comune di Brendola -, sette sono state adottate subito, in quanto di portata minima rispetto all’impianto di base. Altre sei saranno oggetto della redazione di una seconda variante, dopo che il Comune avrà valutato il parere dei proprietari degli immobili confinanti e ottenuto da loro il via libera per l’approvazione. Le ultime sei sono state invece respinte. Tre per motivi tecnici, in quanto si trattava dell’edificazione di nuovi volumi in ambito di pregio, che saranno da riesaminare in attesa della variante paesaggistica in elaborazione nel corso della prossima estate, e tre perché pervenute da richieste già non in contrasto con le norme generali che regolano la fattibilità dell’opera”.

“Per quanto concerne i numeri, la variante appena approvata riguarda nuove edificazioni per un totale di 3400 metri cubi di volume (1% del volume totale del Piano di assetto del territorio, Pat), e 5200 metri quadrati di superficie (2,5% della superficie totale del Pat)”.

Per la seconda variante, che sarà elaborata nel corso delle prossime settimane, anche se è presto per avere stime precise, sono stati valutati introiti che oscillano tra i 150 e i 200 mila euro. Un “tesoretto” che il Comune potrà richiedere, eventualmente, anche in termini di opere pubbliche da realizzare per il territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *