Breaking News

Bassano, la Leggenda… delle auto storiche più belle

Da Bassano del Grappa a Merano, in provincia di Bolzano, e ritorno, attraversando i paesaggi da favola delle Dolomiti, le montagne più belle del mondo, patrimonio dell’Unesco. A solcare queste strade saranno le più belle auto da corsa della storia, tutte Sport-Barchetta costruite fino al 1960. Tutto questo nella manifestazione dal titolo “La Leggenda di Bassano. Trofeo Giannino Marzotto”, gara di regolarità organizzata dal Circolo veneto automoto d’epoca “Giannino Marzotto”, in programma dal 16 al 19 giugno 2016.

“La Leggenda di Bassano – spiega Stefano Chiminelli, presidente del circolo – è un evento unico nel panorama del motorismo storico internazionale, perché riservato a vetture Sport-Barchetta e perché coniuga luoghi incantati, auto da sogno e piloti straordinari. Un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati, ma anche per tutti coloro che vedranno transitare nei loro paesi queste auto dal fascino intramontabile”.

Il fulcro della manifestazione sarà la città di Bassano del Grappa, quartier generale di un evento che si aprirà con le verifiche sportive e tecniche a Cà Cornaro di Romano d’Ezzelino. Il giorno dopo, 17 giugno, alle 13,30, sempre da Cà Cornaro, la partenza del primo concorrente alla volta San Martino di Castrozza. Dopo aver superato il Passo Rolle, si scenderà a Cavalese e si raggiungerà Egna/Ora. Da lì si proseguirà attraversando il territorio di Appiano, sulla Strada del Vino, la più vasta zona coltivata a vigna dell’Alto Adige.

La prima giornata si concluderà a Merano e non una scelta casuale, perché nel 1953, vetture simili a quelle in gara oggi si sfidarono proprio a Merano nel Gp Supercortemaggiore. Serata suggestiva, poi, con la cena di gala ospitata nel salone delle feste dell’edificio più elegante della città, il Kurhaus.  Il 18 giugno, partenza da Merano, dalla Passeggiata Lungo Passirio. Le vetture si dirigeranno verso Passo Giovo e Vipiteno, sfiorando quindi l’Austria. Da Vipiteno saliranno al Passo Pennes e raggiungeranno Sarentino e quindi Chiusa, Bressanone e Plose.

Altro passaggio evocativo sarà quello sul Passo delle Erbe, dominato dal massiccio dolomitico del Sass de Putia. Poi si scenderà a Corvara, per risalire il mitico Passo Pordoi (reso celebre soprattutto dalle imprese ciclistiche), raggiungere Canale d’Agordo e concludere la tappa a San Martino di Castrozza, con cena di gala all’Hotel Savoia. Gran finale il 19 giugno: partenza da San Martino di Castrozza verso Passo Croce d’Aune, Feltre e Primolano. Alle 11 l’arrivo della prima vettura nel salotto di Bassano del Grappa, Piazza della Libertà, dove le auto in sosta potranno farsi ammirare per oltre un’ora. Alle 12,15 infine la partenza alla volta del Castello Superiore di Marostica per il pranzo e la cerimonia di premiazione.

Un commento

  1. Perché cambiare il nome?
    Le Mitiche Sport andava benissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *